Delfini: parleremo con loro grazie a un software

delfini_software

È il sogno di tutti, di grandi e piccini, quello di poter parlare con i delfini. Questi dolci cetacei, infatti, emettono suoni che a detta di molti potrebbero essere decodificati ed avere il senso di un messaggio. Si potrebbe dunque parlare di vera e propria comunicazione tra uomini e delfini, se un giorno, si potessero tradurre le loro vibrazioni.

Ed è quanto stanno cercando di fare dei ricercatori del Wild Dolphin Project di Jupiter, in Florida, fondato da Denise Herzing ed lo studioso di intelligenza artificiale al Georgia Tech. Il loro progetto si chiama CHAT, Cetacean Hearing and Telemetry e sarà probabilmente brevettato questa estate.

Si tratta di uno strumento simile ad un piccolo computer che, chiuso dentro un imballaggio resistente all'acqua, dovrebbe captare le frequenze emesse dai delfini la cui intensità può essere fino a dieci volte superiore a quello prodotto da una persona. Lo strumento, fissato al petto dell'operatore subacqueo, sarà regolato in modo da selezionare il tipo di suono da emettere in risposta a quello del cetaceo. Inoltre, una maschera provvista di LED indicherà all'operatore la giusta direzione dalla quale provengono le frequenze.

L'obiettivo dei ricercatori è di creare un linguaggio comune agli uomini e ai delfini, in modo da creare un botta e risposta tra di loro. In pratica, l'uomo emetterà uno degli otto suoni finora già creati che, per convenzione, significherebbe "giochiamo con le alghe". CHAT dovrà dunque individuare se il delfino avrà ripetuto lo stesso suono. Con il tempo, si pensa di rendere ancora più sofisticato il software, rendendolo in grado di riconoscere addirittura l'accento del delfino se non il delfino stesso.

Ad ogni modo, il linguaggio di questi cetacei è oggetto di studio da molti anni. In effetti, oggi si stanno ponendo le basi per comprenderne i significati e poter rispondere a questi tentativi di comunicazione.

La ricercatrice Herzing è impegnata in tale studio dal 1998 ed ha insegnato agli animali ad associare ad un simbolo una richiesta specifica. Oggi il CHAT aggiunge qualche tassello in più alla possibile conversazione virtuale che si potrebbe tenere tra un uomo ed un cetaceo.

Federica Vitale

Cerca