fusione fredda costo

E-Cat. Rossi convoca i licenziatari per il prossimo mese di Ottobre: durante l’incontro, che il nuovo realizzatore della fusione fredda annuncia come decisivo, tutti loro avranno la possibilità di avere informazioni dettagliate sui dispositivi domestici. Altri particolari, come nello stile del singolare inventore italiano emigrato negli Usa, non sono stati rivelati. Ma la parola “decisivo” fa sperare in qualche rivelazione di grande interesse.

ecat robotiz

Andrea Rossi ha migliorato l'E-cat, ottenendo stabilità ad elevata temperatura, che consentirebbe un’efficiente produzione di elettricità. Lo ha annunciato sul suo blog rispondendo alle domande di alcuni appassionati e curiosi della vicenda. Ma altri concorrenti cercano di strappare all’inventore italiano il primato sulla fusione fredda, come Mitchell Swartz, che, per bocca del collega Peter Hagelstein, ha presentato lo scorso 4 Maggio il dispositivo Nanor, durante i lavori del convegno ‘Atom Unexplored’ a Torino.

mallove

Nel 2004 Mallove (appena prima di perdere la vita massacrato a bastonate durante un tentativo di furto in casa sua) convince il DoE (Department of Energy, Ministero dell’Energia Statunitense) a rifinanziare la ricerca sulla fusione fredda abbandonata anni prima. Poco prima di questa triste vicenda, Come raccontano M. Torrealta ed E. Del Giudice nel romanzo/inchiesta “Il segreto delle tre pallottole”, Martin Fleishmann scopre di avere centinaia di micro tumori in una parte dell’intestino. Decide quindi di tornare in Inghilterra per sottoporsi ad un’operazione finalizzata a rimuovere il tratto intestinale interessato. Organizza il viaggio ma un imprevisto lo blocca all’aeroporto di S. Francisco.

fleischmann pons

Questa è la storia di Uomini al servizio degli Uomini. Questa è la storia della Scienza al servizio dell’Uomo. Ma è anche la storia, tristemente ricorsiva, di interessi particolari, dell’ombra di un’aristocrazia plutocratica senza scrupoli, capace di far calare le tenebre su un luminoso futuro possibile. Questa è la storia della fusione fredda.

pipistrelli risparmio energetico

Sembra facciano un’incredibile sforzo i pipistrelli quando ripiegano le ali attorno al loro corpo in salita, ma questo gli giova un risparmio di circa il 35 per cento di energia rispetto a quella che impiegherebbero se tenessero le ali distese. La ricerca, condotta presso la Brown University (Usa), potrebbe aiutare ingegneri e tecnici aereospaziali nella progettazione di velivoli a risparmio energetico.

Pagina 21 di 37

Cerca