Fusione fredda: l’E-cat arriva in Cina?

E-cat COP infinito 1

Fusione fredda. L’E-cat dovrebbe sbarcare in Cina, grazie al partner statunitense della Leonardo Corporation, che, secondo alcune indiscrezioni, si tratterebbe di Cherokee, di dimensioni medie, ma comunque apparentemente in grado di sostenere i costi di produzione del prodotto. L’azienda avrebbe importanti relazioni con il paese asiatico che fornirebbe, forse, le basi per la forte industrializzazione che cerca Andrea Rossi.

La notizia non è stata confermata in nessun modo, né sul sito dell’azienda statunitense, né sul sito di E-cat, né tanto meno da dichiarazioni di Rossi. Un sito cinese però, Icebank.cn, ha scritto che Tom Darden, Ceo di Cherokee, parla apertamente di produzione di energia pulita partendo dal nichel. Si sarebbe in particolare svolta una riunione tra delegati cinesi e statunitensi in presenza del presidente dell’Accademia Nazionale di Pianificazione di Energie a Basso Tenore di Carbonio, funzionario governativo.

Secondo quanto riportato dal sito, Darden avrebbe inoltre mostrato i risultati di test che dimostrerebbero come la produzione di energia a partire dal nichel abbia ottime prospettive, oltre ai costi economici contenuti, nonché molti vantaggi in campo ambientale. Tale processo infatti non comporterebbe emissioni di gas serra e altri inquinanti, non produrrebbe materiale radioattivo, e non avrebbe bisogno di carbone, petrolio e altri combustibili fossili.

Non c’è scritto da nessuna parte che il reattore in questione sia E-cat, e che quindi i test siano quelli fatti svolgere da Rossi, ma alcuni indizi lo porterebbero a supporre. Innanzitutto che la società sia statunitense, che ci siano contatti con un paese come la Cina che, da un lato garantirebbe un vasto mercato da lui auspicato, dall’altro legislazioni di sicurezza meno restrittive, un vero tallone di Achille per E-cat. Non ultimo il riferimento alla reazione con il nichel ovviamente, la base del meccanismo del dispositivo.

D’altronde Andrea Rossi ha recentemente dichiarato di essere pronto a produrre milioni di E-cat. E il dubbio che questa relazione commerciale li possa garantire è del tutto lecito. Non resta che attendere qualche suo commento in merito.

RDC

LEGGI anche:

- Fusione fredda: mentre l'E-cat è in vendita, Celani pubblica le sue ricerche

- Fusione fredda: ancora test su E-cat. Nuove interrogazioni parlamentari

Cerca