Fusione fredda: Abundo sintetizza la teoria QST che potrebbe spiegare le LENR

Abundo articolo JNP

Fusione fredda. Ugo Abundo, che coordina un progetto didattico di sperimentazione sulle Lenr presso l’Istituto Tecnico per Costruzioni, Ambiente e Territorio ‘Leopoldo Pirelli’ di Roma, fa sul serio: infatti, insieme a Francesco Santandrea, analista di sistema presso la società Labor di Roma, ha elaborato una teoria per spiegare il meccanismo delle Lenr.

Noi di Nextme siamo andati a visitare i laboratori della scuola ed è stato lo stesso Abundo a segnalarci questo articolo e a raccontarci di persona i punti salienti. ‘The Quantum Space Theory’ (Qst) could explain the Lenr' ('La teoria di spazio quantistico potrebbe spiegare le Lenr'): questo il titolo del lavoro presentato al Journal of Nuclear Physics. La teoria è nata prima nella mente di Santandrea nei primi anni '90, mentre circa dieci anni più tardi, nei primi anni 2000, Abundo è arrivato ad analoghe conclusioni in modo del tutto indipendente.

Abundo e il suo team stanno sperimentando una via elettrolitica ai processi Lenr, ma sostengono che la loro sia solo una delle strade possibili. La loro elaborazione teorica vuole assumere quindi carattere assolutamente generale. Gli autori sostengono inoltre che sia una sorta di estensione della teoria di Widom-Larsen.

Quest’ultima interpretazione dei fenomeni Lenr afferma che, in un materiale che presenta forti campi magnetici locali, gli elettroni che ne compongono la superficie incrementano sensibilmente la loro massa, fino a superare le differenza esistente tra quella di un protone e quella di un neutrone, e che in queste condizioni è possibile che l’elettrone gigante reagisca con un protone formando un neutrone e un neutrino, e liberando una certa quantità di energia.

“In questo nuovo approccio allo spazio e alla struttura delle particelle, il reticolo diventa l’espressione di frequenze di risonanza stabili dello spazio –si legge invece all’inizio del testo di Abundo e Santandrea- Gli stessi elettroni, particelle e materia condensata sono ‘oggetti elettromagnetici’ costituiti da onde permanenti nello spazio quantico trovato dalla Qst”.

In poche parole la Qst ridisegna lo spazio fisico e cerca di capire cosa può succedere nel reticolo dove avviene la reazione nucleare. Secondo Abundo e Santandrea gli elettroni e tutte le particelle del reticolo sono porzioni di spazio in risonanza, ovvero con frequenza di vibrazione uguale o molto simile. E, quando in natura si verificano fenomeni di risonanza, il risultato di tale interazione può essere imprevedibilmente amplificato (è noto ad esempio che il Tacoma Narrows Bridge di Washington crollò completamente nel 1940 perché il vento, soffiando ad una determinata velocità, ha innescato dei vortici alla stessa frequenza di vibrazione torsionale della struttura del ponte).

Come riferiscono gli stessi autori, un’ipotesi di meccanismo con la quale dei nuclei riescano a fondersi a bassa temperatura consiste nella teoria che gli elettroni stessi possano fondersi o annichilirsi se sottoposti a qualsivoglia trattamento “coercitivo”, come un’alta pressione, una corrente elettrica e altri. Sia la fusione che l’annichilamento spiegherebbero la produzione di un eccesso di energia altrimenti misterioso.

“Se l’elettrone coincide con la frequenza di risonanza dello spazio, sarà possibile, con una perturbazione stazionaria, “aprire l’elettrone” e rilasciare la sua energia” scrivono Abundo e Santandrea, sottolineando come la loro Qst può realmente contribuire ad una spiegazione più convincente del meccanismo delle Lenr.

Una teoria che vuole spiegare una rivoluzione fa parte della rivoluzione stessa, e su questo Abundo è apparso molto ottimista: “Non ci sembra il caso di sottolineare come tanta resistenza contro le nuove teorie da parte degli scienziati non potrà esserci –ha precisato infatti il professore- perché essi sono abituati da quel dì, da ben prima di Galileo, a vedere varie rivoluzione copernicane, la fisica relativistica, la meccanica quantistica e così via. Quindi sono abituati da quel dì che ciò che non vien spiegato da una teoria… beh, ci si mette lì, si fa un’altra teoria che spieghi sia il conosciuto che queste nuove emergenze. Questo è il percorso normalissimo della fisica. Quindi noi ci aspettiamo una cauta e serena accoglienza di questa teoria.

Roberta De Carolis

Leggi anche la nostra intervista ad Andrea Rossi

Leggi anche la nostra intervista a Sergio Focardi

Leggi anche la nostra intervista a Francesco Celani

Leggi anche la nostra intervista ad Aldo Proia

Leggi anche la nostra intervista a Fausto Fiorillo

Leggi anche la nostra intervista ad Alberto Carpinteri

Cerca