Super fotoni: l'idea di Einstein diventa realtà

albert_einstein_by_yousuf_karsh

È stato realizzato per la prima volta da alcuni fisici dell'Università di Bonn il super fotone, una particella molto speciale, fino ad ora considerata 'irrealizzabile'.

La geniale idea di costruire un super fotone era venuta ad una delle menti più geniali del nostro secolo, Albert Einstein, che insieme a Satyendra Nathan Bose, nel 1925 teorizzò lo stato conosciuto come 'Condensato di Bose-Einstein'.

Uno stato della materia molto difficile da realizzare, poiché necessita di temperature prossime allo zero assoluto, in cui i fotoni tendono ad assumere lo stato di energia minima e a comportarsi come se fossero un'unica entità, un'unica super particella appunto.

E la difficoltà dell'esperimento effettuato dai ricercatori tedeschi "stava nella natura stessa dei fotoni, assorbiti dai materiali circostanti durante la fase di raffreddamento". Tuttavia, dichiarano gli studiosi, "l'ostacolo è stato aggirato attraverso un particolare sistema di specchi, in grado di far rimbalzare i fotoni avanti e indietro, provocandone anche la collisione con alcune molecole di pigmento disciolto collocate tra le superfici riflettenti". Proprio durante le collisione, i fotoni lentamente avrebbero assunto la temperatura delle molecole di pigmento, raffreddandosi l'un l'altra.

Una scoperta sensazionale, che potrà trovare numerose applicazioni, dai dispositivi elettronici di piccole dimensioni alla spettroscopia e ai sistemi fotovoltaici.

Francesca Mancuso

Cerca