×

Errore

Error the gallery with an id of: 216 is not published

Crateri misteriosi: in Siberia se ne aprono altri due

Nuovo cratere Siberia cop

La Siberia continua ad essere terra di mistero: due nuovi crateri si sono aperti in questi giorni e la causa resta incerta. Dopo quello scoperto nella regione settentrionale dello Yamal, che ha lasciato perplessi gli studiosi e che ancora resta un fenomeno inspiegato, eccone due nuovi, il primo nella stessa regione, l'altro nella penisola Taymyr, ad est di Yamal, nella regione di Kransoyark.

"Ho volato in elicottero per ispezionare questa voragine Sabato 19 luglio racconta Mikhail Lapsui, deputato locale - Il suo diametro è di circa 15 metri. Vi è anche del terreno fuori, come se fosse stato aperto a seguito di una esplosione sotterranea. Secondo i residenti locali, il foro si è formato il 27 settembre 2013. Gli osservatori danno però diverse versioni. In una all'inizio il posto fumava, e poi è apparso un flash luminoso. In un'altra, è caduto lì un corpo celeste".

Al di là dei racconti dei locali, gli scienziati non hanno attualmente un'ipotesi comune, o comunque verificabile. Le teorie vanno da meteoriti, missili, uno scherzo messo in piedi da qualcuno, lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici che ha a sua volta provocato un rilascio di gas metano a cui è seguita un'eruzione, persino gli alieni.

L'ipotesi più accreditata è quella che coinvolge il riscaldamento globale, ma gli scienziati sono comunque riluttanti a offrire una conclusione priva di una dimostrazione convincente. "Senza dubbio, dobbiamo studiare tutte queste formazioni – ha commentato Marina Leibman, direttore dell'Earth Cryosphere Institute Dobbiamo essere in grado di prevedere la loro presenza. Ogni nuovo cratere fornisce ulteriori informazioni per gli scienziati".