Pesce d'Aprile: ecco come si festeggia nel mondo

Pescedaprile

E se il famoso Pesce d'aprile, da piccoli, lo festeggiavamo attaccando il disegno di un pesce ad un ignaro compagno al quale fare dispetto, quella che oggi ricorre non è una festa nazionale. La sua origine risale, addirittura, ai giorni della Bibbia nella quale è stata registrata la storia di tale divertente giornata. È il giorno che celebra lo scherzo, rendendo le persone giocose e piene di creatività.

Di solito, il 1° di aprile si festeggia in tutto il mondo e, a farlo, sono sia i bambini sia gli adulti. Una teoria biblica fa risalire tale festa al periodo di Noè, quando in questo giorno mandò una colomba alla ricerca della terra ferma. Un'altra teoria biblica, invece, commemora tale data come il giorno in cui Gesù fu inviato da Ponzio Pilato da Erode. Tanto che l'espressione “mandare da Erode a Pilato” sta a significare l'idea di “mandare qualcuno su commissione di un pazzo” o far perdere tempe.

Ma la storia del Pesce d'Aprile sembra risalire ai tempi degli antichi romani. E pare si festeggiasse in occasione dell'equinozio di marzo, quando i Romani e i Celti celebravano la festa con scherzi e giochi. Un antico mito romano raccontava la storia del dio Plutone che rapì Proserpina, la dea del grano e del raccolto, e della madre di lei che riusciva a sentire solo l'eco della sua voce durante la ricerca di sua figlia. Si rivelò una ricerca infruttuosa che si concluse senza risultati, tanto da aver ispirato la tradizione di un qualcosa a cui solo gli sciocchi credono.

Ma come si festeggia oggi questa simpatica festa nel mondo? Coincidendo più o meno con la fine dell'inverno e l'inizio della primavera, i festeggiamenti includono l'uso di travestimenti e scherzi rivolti alla famiglia e agli amici. Il Pesce d'aprile si caratterizza, dunque, come una festa di rinnovo, un giorno in cui il comportamento malizioso e le buffonate sono ben accetti.

In Italia, come in molti altri paesi, le battute e gli scherzi goliardici invadono il web. Spesso, si tratta di notizie false. Dunque, è meglio fare attenzione.

Nel nord Europa, precisamente in Finlandia, la burla deve necessariamente giungere entro mezzogiorno. Al grido di “Aprillia, Aprillia, Syo Sillia ja juo kuravettä päälle!” (Aprile, Aprile, mangiare aringhe e bere un po' d'acqua fangosa), e in svedese “Aprile, Aprile, du dumma davanzale, jag Får scavare narrad vart jag vill!” (Aprile, Aprile, l'aringa sciocca, mi può ingannare ad andare dove non voglio), si cerca di indurre qualcuno all'inganno.

Nel Regno Unito, l'April Fools' Day è l'occasione giusta per sbizzarrirsi nel lancio di notizie semi-vere o che, in altri giorni, si avrebbe più premura a lanciare. L'unica differenza è che qui fare scherzi e burlarsi della gente è considerato portatore di sfortuna se viene fatto dopo mezzogiorno.

Sempre considerando il mondo anglosassone, negli Stati Uniti, la tendenza attuale è quella di fare battute sul cibo. Spazio, quindi, a ricette “veramente false” che, magari, contemplano purè di patate e carne macinata nei mitici cupcakes.

E per finire, ma solo per citarne alcuni, in Spagna come in Bolivia, si celebra il Pesce d'Aprile il 28 dicembre, ovvero in occasione del Día de los Inoncentes. In questo giorno, dunque, dai media alla gente comune, ognuno è libero di dire bugie.