Moai: i misteri dell'Isola di Pasqua

moai

È uno dei luoghi più affascinanti della Terra, con le sue imponenti statue enigmatiche. L'isola di Pasqua, con i suoi misteri ancora celati dalla storia, svela pian piano uno dei suoi aspetti più ingegnosi: come giunsero i Moai, le statue simbolo del luogo, sull'isola lontana migliaia di chilometri di oceano dalla costa?

Sono stati numerosi gli studiosi ad interrogarsi su tale quesito, nel tentativo quasi vano di dare una spiegazione al come gli abitanti dell'isola di Rapa Nui abbiano potuto edificare delle statue così possenti.

Una possibile risposta relativa ad una recente ricerca compare sul numero di luglio del National Geographic. Le statue, scoperte nel 1722, sarebbero state letteralmente trascinate sull'isola dagli stessi nativi che, utilizzando semplicemente alcune corde e la forza delle loro braccia, avrebbero trascinato i Moai dalle cave di pietra nelle quali erano state modellate.

L'ipotesi si deve allo studio condotto dall'archeologo Terry Hunt, dell'Università delle Hawaii, e dall'antropologo Carl Lipo, dell'Università di Long Beach, in California. Il risultato delle ricerche è esaustivamente ripreso in un video rintracciabile sul sito dell'Huffington Post, nel quale è ricostruita l'operazione di trasporto delle statue.

I Moai pesano più di 80 tonnellate e sono alte in media circa 10 metri. È proprio a causa delle loro massicce dimensioni che gli scienziati si sono sempre dimostrati titubanti nel credere che gli abitanti dell'isola abbiano potuto trascinare imponenti blocchi di pietra con scarsi mezzi.

La teoria è anche argomento di un libro completamente redatto dagli stessi ricercatori, "The Statues that Walked", il cui titolo già fornisce un'idea di come venivano, e ancor oggi sono, considerati i Moai: le statue che camminavano. "Gli esperti possono affermare quel che vogliono", dichiara Suri Tuki, un giovane nativo del luogo, sulle pagine del National Geographic, riferendosi alle precedenti teorie. "Ma noi sappiamo la verità. Le statue camminavano", in parte confermando quel che la tradizione orale dell'isola tramanda. "I Moai erano animati dal mana, una forza spirituale trasmessa dai potenti antenati".

E sebbene oggi si stia cercando di far luce sui suoi misteri, è innegabile che l'isola di Pasqua rimarrà comunque una fonte inesauribile di enigmi a migliaia di miglia dalla terra ferma.

Federica Vitale