Bendandi: un terremoto il 5 aprile 2012?

raffaele-bendandi

Si può crederci o meno, sta di fatto però che, ogni volta che si verifica un sisma – specie in Italia – rispunta fuori il nome di Raffaele Bendandi, conosciuto anche come “l’uomo dei terremoti”. Bendandi, studioso nato a Faenza nel 1893 e morto nel 1979, era un appassionato, considerato un ciarlatano dagli scienziati, mentre per la stampa era un personaggio a cui rivolgersi per un parere “da esperto”.

Non c’è quindi da meravigliarsi se il 27 gennaio 2012, a poche ore dal terremoto che ha colpito l’Emilia, la Lombardia e il Veneto, sul web si è sparsa la voce dell’esistenza di alcune carte dello studioso faentino secondo cui “il 5 ed il 6 aprile 2012 una nuova serie impressionante di sismi colpirà l’intero pianeta, e l’Italia potrebbe essere tra le zone più terremotate”.

Ricordiamo che dopo il terremoto a L’Aquila del 6 aprile 2009 si diffuse la presunta previsione di un nuovo sisma previsto per l’11 maggio 2011 a Roma, previsione che si rivelò errata. La passione per lo studio dei terremoti colpì Raffaele Bendandi dopo il sisma del 1908 a Messina, che costò la vita ad oltre 100.000 persone. Nel 1920 fu ammesso nella Società sismologica italiana e formulò una propria teoria, la “sismogenica”, secondo la quale si poteva prevedere un terremoto studiando il moto dei pianeti ed i campi gravitazionali dei satelliti, come la Luna.

Nel 1923 ad un notaio di Faenza fu consegnata una delle sue prime previsioni: un terremoto il 2 gennaio 1924 nelle Marche. Bendandi sbagliò di qualche giorno, ma indovinò la zona: Senigallia, in provincia di Ancona. Fu allora che, finendo sulla prima pagina del Corriere della Sera, lo studioso faentino divenne per tutti “l’uomo che prevede i terremoti”. Creò un osservatorio nella sua casa in via Manara 17, a Faenza, e alla vigilia del terremoto del 1976 in Friuli lanciò un allarme, che però non venne ascoltato.

Morì il 3 novembre 1979 in seguito ad un incidente con le sue attrezzature (gli cadde un rullo sulla testa). Oggi l’opera di Bendandi - che nel 1927 ricevette dalle mani di Benito Mussolini il titolo di cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia e più tardi fu nominato cavaliere del lavoro dal presidente della Repubblica Giovanni Gronchi - viene portata avanti dalla Bendandiana, l’associazione fondata a Faenza dopo la sua morte con a capo Paola Lagorio. Proprio alla Bendandiana, raccogliendo ed ordinando gli scritti lasciati dall’“uomo dei terremoti”, sono state ritrovate un centinaio di previsioni, formulate da Bendandi fino al 1977.

Antonino Neri

Cerca