Alieno in Russia: perché il video potrebbe essere un falso

alieno_russia

Un video, in cui appare il ritrovamento del corpo di un alieno, sta facendo il giro del mondo proprio in questi giorni. Ma non fatevi ingannare. Si tratta di un falso. La scoperta sembra essere avvenuta in Russia ma in realtà sono molti gli indizi che non rendono credibile il mini film girato tra la neve. Vediamone alcuni.

Nel video l'alieno sembra essere di circa 2 o 3e piedi di altezza, con una grande testa e gli arti lunghi e sottili. Al riguardo molti commentatori sostengono che queste misure siano inverosimili. Un altro aspetto che lascia piuttosto perplessi è il messaggio che appare non appena si dà il via al video. Recita così: “Your government is lying to you about UFO and alien visitation”. È evidente che ci siamo dei problemi per quanto concerne i diritti.

Anche il modo in cui il video è stato girato tende a farci credere che ciò che vediamo sia il risultato di un copione studiato a tavolino. La scena si apre infatti con l’utilizzo di una particolare tecnica di produzione cinematografica che consente agli spettatori di capire quale sia il luogo in cui si svolge l’azione. Pensiamo ad esempio all’inquadratura di una facciata di un edificio che subito viene sostituita da quella di una stanza interna dove si concentra la scena.

Per apparire verosimile, la telecamera dovrebbe essersi accesa direttamente sopra il corpicino dell’alieno e non con una distesa bianca in cui si nota una fabbrica in lontananza, apertura classica di un film.

Analizzando ancora più nel dettaglio il sonoro del video, si intuisce che i due protagonisti parlino in russo, ma il tono della loro voce è piuttosto scherzoso. Non sembrano appena essersi imbattuti nel corpo di un extraterrestre.

Il piccolo corpo appare inoltre con una gamba mutilata ma nei dintorni non c’è alcun segno di incidenti. Se tutto ciò non bastasse anche le dimensioni, il colore della pelle e la sua lucentezza, l’aspetto in generale sembra essere tipico degli alieni rappresentati in film e libri, capaci di colpire l’immaginario collettivo.

Marta Proietti

Cerca