Il 30 giugno 2015 'vivremo' un secondo in piu'

leap second

Il 2015 avrà un secondo di più. Lo annuncia l'Osservatorio di Parigi. E ciò avverrà il 30 giugno, quando un secondo intercalare verrà aggiunto sugli orologi che, in tal modo, leggeranno 23:59:60 (o 11:59:60 pm).

Un “salto temporale” che, in gergo, viene definito Leap Second. E dovuto ad una variazione del tempo astronomico, causata dai rallentamenti della rotazione terrestre come ha spiegato Nick Stamatakos, dello US Naval Observatory: "La Terra sta rallentando".

Il primo “leap second", si è verificato nel 1972 e, da allora, ne sono seguiti altri 25. Fenomeno che si deve alla natura imprevedibile degli eventi, come terremoti, maree e meteo, ovvero tutti quegli elementi che modificano la rotazione terrestre e, di conseguenza, lo "scorrere" del tempo.

Gli orologi atomici segnano il tempo molto precisamente. Tuttavia, i calcoli eseguiti dagli esperti confermano come questo “stia rallentando". Gli orologi, infatti, aggiungono un secondo in più all'UTC (Universal Time Coordinated), per assicurarsi che risulti lo stesso a quello segnalato dal tempo atomico. Ecco perché, in parole più semplici, il 30 giugno gli orologi del mondo segneranno le 11:59:60 pm anziché il classico 11:59:59 pm. "Per quel giorno, ci saranno 86401 secondi invece degli 86400. La durata del giorno per tutti noi sulla Terra avrà un secondo in più", spiega ancora Stamatakos.

Un tempo che “non cambia mai”, dunque, potrebbe essere notato dagli esseri umani, ma non di molto. Senza leap second ci sarebbe uno slittamento di due o tre minuti entro il 2100 e di circa mezz'ora dal 2700. Dal 1972 al 1979, almeno un secondo è stato aggiunto ogni anno. L'ultima volta ad essere stato aggiunto un “salto di secondo” è stato nel 2012. Quell'episodio causò seri problemi ad alcuni siti web, che subirono un “blackout” dovuto ad un bug del software. Le aziende più importanti, tra cui Mozilla, Reddit e Gawker, riferirono di aver avuto problemi ed altri intoppi furono registrati dal sistema operativo Linux.

Gli scienziati discutono i benefici e le complicazioni dell'avere un secondo in più. Il 30 giugno potrebbe comunque essere l'ultima volta nella storia che il salto temporale potrà aver luogo. Infatti, dopo annosi dibattiti, gli esperti sono giunti alla conclusione che il Leap Second possa essere "abolito" perché non più necessario a sincronizzare gli orologi di tutto il mondo.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Il 1° luglio avrà un secondo in più

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico