Il dna è influenzato dalle parole

dna lingue

Prendiamola per buona. Dentro il nostro corpo, il DNA si comporta come un vero e proprio Internet biologico. E trattandosi della macchina più perfetta, l'uomo è sotto molti aspetti superiore a quella artificiale. Ed è una recente ricerca scientifica a spiegarne i motivi.

È russa la nuova tesi che spiegherebbe i fenomeni di chiaroveggenza, atti spontanei e di cura a distanza, intuizione e autoguarigione come atti puramente influenzati dalla mente. Ma non è tutto. Sembra che il DNA possa essere influenzato e riprogrammato dalle parole e dalla frequenza senza sostituire in geni individuali.

Secondo studi sul nostro codice genetico, solo il 10 per cento di esso viene utilizzato per costruire proteine. Mentre il restante 90 per cento è considerato DNA di rifiuto. I ricercatori russi si sono avvalsi della collaborazione di eminenti linguisti e genetisti per intraprendere un'attenta analisi proprio su quel DNA di scarto. Il risultato cui si è giunti ė che questo 90 per cento di DNA serve da magazzino di informazioni ed è persino uno strumento valido per la comunicazione.

Pertanto, i linguisti russi hanno decretato che il codice genetico segue le medesime regole di tutte le lingue umane. Una sorta di grammatica interiore, con regole e costruzioni da seguire e rispettare. Gli esperti, dunque, hanno confrontato le regole della sintassi, della semantica e le regole di grammatica di base. E sarebbero proprio gli alcalini del DNA a seguire la grammatica regolare e ne rispetterebbero le regole fisse come normali verbi e sostantivi. Va da sé che le lingue non sarebbero apparse per una coincidenza ed evoluzione storica, ma sarebbero così un riflesso del nostro DNA interno.

Ma non è il solo contributo dalla scienza sul DNA. Un altro gruppo di ricerca ha provato come sia possibile riparare i cromosomi danneggiati dai raggi X. Catturando modelli di informazione di uno specifico DNA e trasmettendolo ad un altro, si è proceduto nel riprogrammare le cellule su un altro genoma. In questo modo, per esempio, si sono trasformati embrioni di rana in altrettanti di salamandra.

Scienza ed esoterismo, quindi, si incontrano in questa nuova chiave di lettura. Quel che l'esoterismo ha sempre sostenuto, ossia che il linguaggio, le parole e il pensiero siano programmati dal nostro corpo, trova qui una spiegazione scientifica. Una spiegazione che tiene conto delle frequenze corrette poiché non tutti possiedono gli stessi processi interni. E i ricercatori russi lavorano con un metodo che non dipende da questi fattori. Lo stress, le preoccupazioni e l'intelletto variano a seconda degli individui e le informazioni sono trasmesse attraverso aree completamente diverse. Il processo di ipercomunicazione è efficace in stato di rilassamento, altrimenti sarebbe del tutto inutile. In natura, sono numerosi i casi di ipercomunicazione; ne sono validi e chiari esempi le “organizzazioni stato” di insetti o formiche. L'uomo, al contrario, conosce l'intuizione.

Insomma, sarebbe il caso di cominciare a considerare il nostro corpo come una macchina la cui genialità sta proprio nell'essere naturale. Forse, quello che ci aspettiamo da un comune computer è semplicemente dentro di noi.

Federica Vitale

Cerca