In arrivo Suam, il dispositivo sonoro per i non vedenti

immagine

Il designer colombiano Nelson Ayala Herrera ha messo a punto un dispositivo universale che aiuta i non vedenti a muoversi in spazi affollati. Un sistema tecnologico che consentirà attraverso l’invio di effetti sonori di individuare ostacoli e le giuste direzioni da percorrere.

Il suo nome è Suam e nasce, come sottolinea il suo stesso ideatore, per sostenere la mobilità e migliorare lo stile di vita dei non vedenti. Un piccolo e maneggevole macchinario che consentirà loro di poter camminare in modo autonomo e sicuro in mezzo alla gente ed in contesti particolarmente affollati, come le stazioni ferroviarie, gli aeroporti ed i centri commerciali.

Due gli elementi che costituiscono Suam: il primo è un palmare ergonomico che riesce ad esplorare i dintorni per individuare e interagire con gli emettitori a raggi infrarossi e l’altro è un ricevitore portatile in grado di trasformare i segnali infrarossi in messaggi sonori che vengono inviati direttamente al dispositivo portatile in possesso dell'utente.

Il messaggio inviato riporta il nome, il tipo di luogo e la direzione dell'oggetto selezionato. Suam si attiva premendo il pulsante centrale di scansione dell'area circostante. Solo dopo l’accensione è in grado di captare gli emettitori di infrarossi che possono essere collocati in strutture come bagni, uffici e negozi.

Una volta che il segnale viene ricevuto dal dispositivo, il corrispondente messaggio sonoro viene attivato comunicando i dettagli della location all'utente. Utile e maneggevole, il palmare portatile ha un design ergonomico che si addice alla natura anatomica della mano, rendendo il suo utilizzo il più semplice possibile.

Gerarda Lomonaco

Cerca