Quali ostacoli verso la tecnologia RFID? Intanto il costo va giù

rfid

I codici a barre, in particolare quelli usati per i supermercati, potrebbero rischiare l'estinzione più prima che poi, se l'Identificazione a Radio Frequenza (RFID) inzierà a costare molto meno rispetto ad oggi. E la fine sembra essere tracciata, secondo quanto assicurano alcuni ricercatori della Corea del Sud cha affermano di aver realizzato la tecnologia per stampare i circuiti RFID su film plastico, grazie a dei nanotubi contenenti inchiostri.

L'applicazione arriverà sul mercato entro la fine del 2010 e sarà il primo prodotto ad usare transistor realizzati con nanotubi di carbonio. I ricercatori del Sunchon National University (Corea del Sud) sono riusciti a stampare sulla plastica del codice RFID utilizzando comuni metodi quali la stampa industriale e quella a getto d'inchiostro, come anche la stampa su silicone.

Questo processo riuscirebbe ad abbassare il costo della realizzazione dei codici RFID ad un livello per cui esiste anche la concreta possibilità economica di passare alla tecnologia, e addirittura i ricercatori sudcoreani sono sufficientemente fiduciosi di riuscire anche a dimezzarlo e ancor di più, giusto nel tempo per capire un passaggio legato al fissaggio dell'inchiostro in una sola volta passata durante la stampa roll-to-roll.

Gli ostacoli rimangono, in particolare legati alle dimensioni dei nuovi codici, sia fisiche che digitali: i prototipi attuali sono tre volte più grandi dei tipici codici a barre, e può memorizzare solo un bit di informazioni. Inoltre ad oggi i prototipi RFID hanno bisogno di un lettore posto ad una distanza non superiore ai 10 cm. perché anche l'emissione del segnale è piuttosto debole. Questo in realtà dovrebbe cambiare già con il codice a 64-bit pronto ad uscire il prossimo anno, e successivamente con la versione 96 bit, considerato come quello che sarà il vero e proprio killer del codice a barre.

Mario Notaro

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico