2010, l'anno del contatto ?

vss_enterprise_new

Ammettiamolo: il sogno di ognuno di noi, sin da piccoli, è stato quello di viaggiare nello spazio. E, magari, vedere realizzati i nostri giochi prossimi alle avventure di Star Trek! Oggi, "Spazio 1999" sembra preistoria!

A quanto pare, questo sogno potrebbe diventare presto realtà. Ma solo per chi può investire ben 200.000 dollari (circa 130.000 euro) in questo viaggio tra il fantastico e il reale. A tanto sembrerebbe ammontare la cifra del "viaggio spaziale". Durata totale del volo: due ore e mezza, decollo e atteraggio compresi, all'interno delle quali i turisti si ritroveranno in assenza di gravità per cinque minuti in una cabina munita di oblò da cui ammirare il panorama. Per il 2010 sono previsti i primi voli e tra il 2011 e il 2012 i primi voli commerciali.Il governo statunitense ha proposto di investire circa 75 milioni di dollari nei prossimi cinque anni per condurre degli esperimenti nello spazio. E, presumibilmente, inviare in orbita alcuni scienziati. "Per quanti hanno sognato di partecipare alla grande avventura dello spazio, questo investimento di 75 milioni di dollari segna il passaggio ad una nuova era spaziale". Queste le entusiastiche parole di Alan Stern, tra i primi scienziati NASA che ora sta conducendo con passione la sua opera di promozione di iniziative, allo scopo di reclutare associazioni commerciali e di ricerca interessate al viaggio nello spazio suborbitale. Sembra tutto molto concreto. Un ultimo passo è proprio la ricerca di fondi. Ma non mancano le iniziative.

L'amministratore deputato della NASA, Lori Garver, ha stanziato un programma di 15 milioni di dollari per ricoprire il pagamento di una dozzina di esperimenti scientifici per testare il volo commerciale suborbitale. Includendo la Virgin Galactic (che ha già testato il suo VSS Enterprise), che già nel mese di dicembre dello scorso anno aveva ospitato il suo primo passeggero nell'astronave, altre e numerose sarebbero le compagnie interessate al progetto: Armadillo Aerospace, Blue Origin, Masten Space System, XCOR Aerospace.

iniziata, dunque, la nuova era del viaggio nello spazio. Il mondo apre i suoi confini e le immagini, che fino ad ora abbiamo visto in televisione o sulle riviste, possono diventare alla portata di tutti e non più di pochi. Sebbene, per il momento, l'esperienza sia riservata ad una clientela che, coraggiosa e consapevole dei rischi, abbia la possibilità di investire 200.000 dollari in un sogno di due ore e mezza.Ma affrettiamoci! Sembra che la Virgin Galactic abbia affermato che la sua lista passeggeri per i voli spaziali abbia già raggiunto 300 prenotazioni! Manderemo in overbooking anche lo spazio?

Federica Vitale

Cerca