StratoBus, il nuovo dirigibile a meta' tra un drone e un satellite

stratobus1

Si chiamerà StratoBus il prototipo di un nuovo progetto italo-francese, un dirigibile che osserverà la Terra a circa 20mila metri di distanza. A metà strada tra un drone e un satellite, StratoBus potrebbe richiamare alla memoria il Project Loon, la nuova tecnologia sperimentata da Google per portare internet attraverso dei palloni aerostatici in ogni angolo del mondo.

Ma c'è una differenza: frutto di una joint venture tra Thales Alenia Space (partecipata da Finmeccanica), Airbus Defence and Space, Zodiac Marine e Cea-Liten, quando arriverà a regime, StratoBus sarà composto da una flotta di dirigibili stazionari e completamente autonomi.

Il vantaggio di StratoBus, cioè, sarà quello di offrire una lunga durata (il suo ciclo vitale sarà almeno di 5 anni) e una completa autonomia da una posizione fissa, mentre i palloncini d'alta quota Loon si muovono intorno alla Terra e offrono solo una limitata autonomia.

Cosa farà la piattaforma StratoBus? Quello che è certo è che sarà in grado di svolgere un'ampia gamma di missioni, dalla semplice osservazione alla sicurezza, dalle telecomunicazioni alla radiodiffusione e la navigazione. Come gli aerei teleguidati e da un'altezza di circa 20 chilometri, il limite inferiore della stratosfera, scruterà la superficie prestando supporto agli operatori terrestri in caso di emergenze, identificando situazioni critiche come possono essere le fuoriuscite di petrolio in mare o gli attacchi di navi pirata. Al pari di un satellite, inoltre, StratoBus potrà servire nelle telecomunicazioni e per fornire informazioni in tempo reale su condizioni climatiche e ambientali o su disastri naturali, oppure dati sul traffico marino e terrestre a supporto della rete Gps.

stratobus2

Il dirigibile sarà lungo tra 70 e 100 metri, con un diametro massimo di 20-30 metri. Per alimentarsi si servirà di energia solare, amplificata e immagazzinata attraverso un sistema di fuel-cell ad alta efficienza brevettato da Thales Alenia. Grazie a due motori laterali, Stratobus resterà in una posizione geostazionaria per oltre un anno, compensando venti di oltre 90 km/h e trasmettendo tutte le informazioni raccolte a un mezzo leggero sulla Terra. Il tutto a costi estremamente ridotti.

La storia dei dirigibili si è interrotta nel lontano 1937 con il disastro dell'Hindenburg, che ne sancì la fine come mezzo di trasporto commerciale. Il disastro avvenne perché l'idrogeno contenuto nel mezzo (di tipo Zeppelin, il più importante produttore di dirigibili commerciali con struttura interna rigida in metallo pesante) prese fuoco all'atterraggio nel New Jersey. L'incidente provocò la morte di 30 persone a bordo e sconvolse l'opinione pubblica talmente tanto (complice anche la seconda guerra mondiale alle porte) che negli ultimi 75 anni gli unici dirigibili che hanno solcato i cieli sono stati solo quelli a struttura gonfiabile pubblicitari della Goodyear. Ma proprio Goodyear ha recentemente annunciato che la sua flotta di blimps verrà sostituita da nuovi Zeppelin NT, i dirigibili rigidi di metallo come quelli del secolo scorso.