SeaOrbiter: l'unione perfetta tra abisso e universo

seaorbiter

Si tratta di una nuova generazione di navi da esplorazione. È il SeaOrbiter, il risultato ed il culmine di 30 anni di ricerca dedicati ad un'architettura bionica, rivolti alla comprensione e all'esplorazione dell'ambiente marino. Il progetto dovrebbe partire nel 2014 e tra i partner internazionali anche la Nasa e l'Esa.

SeaOrbiter si inserisce nella storia delle grandi esplorazioni del nostro universo, guidate da illustri predecessori e grandi avventurieri, come Jules Verne, Jacques-Yves Cousteau e Jacques Piccard, solo per citarne alcuni. Riconosciuta per i suoi successi a livello internazionale grazie al Pavillon de la Mer, tenutosi a Kobe, in Giappone, questa meraviglia di architettura marina è opera di Jacques Rougerie, noto per essere anche il creatore dei centri Océanopolis Mer Brest e Nausicaa a Boulogne sur Mare, oltre ai progetti di habitat sottomarini come Galatea, Seahorse e imbarcazioni innovative come Aquascope e Aquaspace.

Lo scopo di SeaOrbiter, dunque, è quello di favorire l'emergere di un nuovo rapporto tra l'uomo e il mare, insieme alla consapevolezza e alla voglia di soddisfare le esigenze di un futuro responsabile sulla base dei precetti di sviluppo sostenibile, in particolare quelli connessi con il mare.

seaorbiter2

La sua missione è quella di esplorare un oceano in gran parte sconosciuto per affinare la conoscenza dell'ecosistema marino e comprendere la sua influenza sul clima, in particolare nel contesto attuale segnato dal riscaldamento globale.

Un domani, probabilmente, la nuova generazione di navigatori sarà dedita a lunghi soggiorni, alcuni rivolti alle famiglie numerose di esploratori. Un viaggio contrassegnato da giornate di osservazione subacquea e notti trascorse a monitorare l'inesauribile ricchezza di forme di vita marina. Insomma, un accesso permanente e facile al mondo subacqueo, per una perfetta simbiosi con il mondo sottomarino.

SeaOrbiter, un ibrido tra una nave e un sottomarino, sosterrà l'impegno di una grande avventura umana a scopo educativo, con una vocazione scientifica e una profonda e attenta comunicazione, come le grandi esplorazioni marittime dei secoli passati. A bordo, per la prima volta in assoluto, un equipaggio composto di 18/22 persone che vivrà navigando i mari 24 ore su 24, impegnato in un'osservazione continua e per lunghi periodi del mondo subacqueo fino a 6 mila metri di profondità. Membri di equipaggio suddivisi in 10 unità in pressione atmosferica e 8 acquanauti ospitati in ambiente pressurizzato nella zona sommersa.

seaorbiter3

Un laboratorio sperimentale di 58 metri di altezza, il SeaOrbiter metterà alla prova una serie di tecnologie innovative, in particolare quelle connesse con l'uso delle energie rinnovabili marine e l'impegno di aprire nuovi settori di applicazione nel campo delle molecole marine, sia per il consumo umano sia nella farmacopea del futuro. Una piattaforma di 24 metri di diametro e 12 di profondità, progettato per stabilizzarsi in caso di tempeste.

seaorbiter4

Tra le sue numerose applicazioni, SeaOrbiter fornisce una riconciliazione nuova e legittima, quella tra l'abisso e il cosmo. Dotato di un modulo pressurizzato per la simulazione di uno spazio reale, SeaOrbiter offre al suo equipaggio di astronauti-navigatori condizioni vivibili in ambienti estremi, dove possono essere svolte attività subacquee simili a quelle che si effettuano nello spazio. Infine, esso consentirà anche agli archeologi subacquei la possibilità di estendere le loro indagini al di là delle vestigia del passato e di allargare i proprio orizzonti verso i vecchi relitti sommersi da secoli.

Federica Vitale

Image Credit: DailyMail.co.uk

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

Leggi anche: 

- Cyclops: il sottomarino in vetro che ti porta in fondo all'oceano

- Neemo: una settimana in fondo agli abissi

- Mega Yacht Global: più lusso privato in mare

Pin It

Cerca

ravenna2017 300x90