Spotify: anche l'Italia cambia musica

spotify musica

Spotity, il servizio di musica in streaming, da oggi è disponibile anche in Italia. Dopo circa quattro anni e il grande successo riscosso in Europa e negli States, Spotify sbarca anche nel nostro paese. Nato in Svezia, il servizio metterà a disposizione oltre 20 milioni di brani musicali.

Un po' come accade con YouTube, Spotify consente di ascoltare musica senza per forza doverla scarciare. Al contrario di iTunes, infatti, i brani vengono riprodotti in streamign. Il servizio però è in modalità desktop scaricando e installando un software. Occorre poi iscriversi su www.spotify.com e scegliere il proprio abbonamento. Tre sono le opzioni, due utilizzano interner, la terza no.

C'è la versione gratuita di Spotify Free, con la possibilità di ascoltare tutta la musica messa a disposizione accompagnata però da banner e annunci pubblicitari audio, pari a circa 3 minuti ogni ora di ascolto. Si passa poi a Spotify Unlimited che dietro il canone mensile di 4,99€ consente di ascoltare la musica senza la pubblicità. Entrambi i piani però hanno bisogno della connessione internet visto che la musica si ascolta solo online e su desktop. Spotify Premium invece, sborsando 9,99€ al mese, mette a disposizione tutta la musica anche su dispositivi mobili sia Android che iOS, consentendo di scaricare fino a 9999 brani su tre dispositivi, 3333 per dispositivo.

spotify

La musica però non viene acquistata come accade con iTunes ma rimane nell'app finché si è abbonati. Il vantaggio, in quest'ultimo caso, è che i brani possono essere ascoltati anche offline.

Ma non è l'unico. Spotify consente di condividere la musica con gli amici, di creare una lista dei brani preferiti e permette la sincronizzazione in wireless con MP3 locali su iPhone, iPod Touch e iPad e sui dispositivi Android.

Francesca Mancuso