Ecco Mahru3: il robot che smaschera le bugie

bugia

Il Georgia Institute of Technology presenta una nuova ed utile invenzione: il robot che smaschera le bugie. Si chiama Mahru3 ed è di origini coreane.

Uno studio pubblicato sull’International Journal of Social Robotics rivela l’utilità del robot: grazie alla sua capacità di fiutare le menzogne può essere utilizzato nei più svariati campi, ad esempio per svelare i piani militari, le mine nascoste o salvare le persone in caso di pericolo.

Il programma è stato sviluppato da due ingegneri che hanno scoperto un nuovo algoritmo in grado di dare ai robot non solo la capacità di percepire una bugia ma anche quella di saper mentire a loro volta.

L’efficacia dell’invenzione è  stata testata su due prototipi che giocavano a nascondino: uno programmato per mentire e annusare le frottole e l’altro no.

L’importanza delle bugie ci viene spiegata direttamente da due esperti: Ronald Arkin, professore al Georgia Tech School of Interactive Computing e autore dello studio, e Alan Wagner, ricercatore al Georgia Tech. Essi ritengono che la menzogna sia infatti un segnale di crescita e dimostrano la loro tesi osservando il comportamento dei bambini: quando un individuo inizia a formulare dei ragionamenti e a mentire significa che sta maturando.

Quando diciamo una bugia, bianca o meno che sia, dobbiamo quindi stare attenti non solo a non essere scoperti, ma anche che non ci sia qualche macchina come Mahru3 nelle vicinanze.

Marta Proietti

 

Pin It

Cerca