Stampanti 3D protesi

Le stampanti 3D per protesi ai mutilati di guerra: questa la frontiera sociale di dispositivi, che, paradossalmente, si stanno sperimentando come fonte di armi di tutti i generi. L’iniziativa è chiamata ‘Project Daniel’ ed è portata avanti da Mick Ebeling, cofondatore del centro ricerche ‘Not Impossible Labs’, che ha realizzato un braccio artificiale da 100 dollari che aiuterà le vittime della guerra in Sud Sudan.

stampa 3D

Quando si parla di stampa 3D si immagina che in un futuro (probabilmente non troppo lontano) delle nuove e tecnologiche stampanti inizieranno a produrre veri e propri oggetti. Oggi invece la stampa 3D, naturale evoluzione di quella 2D, combinando diversi materiali, riesce a dar vita a bellissime immagini che danno l’idea della tridimensionalità. 

 

Vision: Fripp Design also prints flexible facial prosthetics to support the 3D eyes

La stampa 3D è il futuro. Da un paio di anni acclamata come la prossima frontiera della produzione, la scintilla della terza rivoluzione industriale. Le previsioni non scandiscono certezze, ma i primi risultati – passando dalla realizzazione di automobili ai prossimi viaggi su Marte – hanno sbalordito l’intera comunità scientifica.

 

 Pistola 3D

Le stampanti 3D ora generano pistole metalliche. Che sparano. Questo l’annuncio della Solid Concepts, azienda californiana di tecniche per le stampe tridimensionali. L’arma, una M1911 calibro 45, è in grado di replicare un analogo commerciale fino ai minimi dettagli, ed è stata capace di sparare efficacemente 50 proiettili. Il dibattito sull’associazione stampa 3d e armi si fa ora più acceso.

Pagina 7 di 11