Universe2go: un viaggio virtuale ai confini dell'universo

Universe2go

L'universo a portata di mano. Anzi di occhi. Abbiamo provatoUniverse2go, il planetario di omegon ed ecco com'è andata.

Universe2go è abbastanza maneggevole. Dopo averlo scartato abbiamo rimosso la cover superiore e inserito uno smartphone, un Samsung Galaxy S3. Prima di inserirlo, però, abbiamo scaricato l'app dedicata, chiamata proprio Universe2go. Il consiglio è di utilizzare la connettività Wifi perché l'applicazione non era molto leggera.

Fatto questo, abbiamo subito provato la modalità planetario. In questo caso, alla prima schermata sullo smartphone sarà necessario scegliere questa modalità tra le opzioni “mappa” e “planetario” e inserire il codice alfanumerico riportato all'interno della confezione.

Universe2go 1

Successivamente viene avviata la calibratura. A seguire sulla schermata appare il messaggio guida che invita a riporre lo smartphone all'interno del visore.

Fatto questo, ciò che è apparso ai nostri occhi è stata una bellissima immagine in cui erano rappresentati i corpi celesti, dalle costellazioni con le stelle in bianco unite da linee in rosso, ai pianeti.

 

Universe2go 2

Per vedere l'immagine al meglio, ci siamo spostati all'interno di una camera buia e muovendoci prima a sinistra e poi a destra siamo riusciti ad avere uno scorcio di quello che appariva in quel momento nel cielo.

Universe2go 3

Universe2go 5

Abbiamo poi provato la modalità “mitologia”. La visualizzazione in questo caso è cambiata. Alle linee delle costellazioni, è stata aggiunta la rappresentazione figurativa della costellazione stessa. È bastato puntare lo sguardo per qualche istante sul nome della costellazione per averne il racconto mitologico.

Universe2go 4

Universe2go offre anche altre modalità, come “discovery”, “astroquiz” e “3D” solo per citarne alcune. Astroquiz ci ha permesso di divertirci provando a riconoscere la costellazione apparsa sul visore ricercandola.

Particolarmente suggestiva la modalità “3D” che ci ha permesso di immergerci completamente nel cielo. Mirando col cerchio verde su uno degli oggetti che in questa modalità appaiono visibili, è stato possibile avere una visione più nitida e zoomata di oggetti come nebulose, galassie e cluster, accompagnati da un'interessante spiegazione.

Universe2go consente di fare un vero e proprio viaggio virtuale all'interno dell'universo, alla scoperta non soltanto degli oggetti più noti come i pianeti e le stelle relativamente più vicine ma anche dei corpi celesti che difficilmente riusciremmo ad ammirare ad occhio nudo.

Per maggiori informazioni: www.universe2go.it

Redazione NextMe.it

Pin It

Cerca