Le batterie del futuro saranno di legno

batterie legno

Una batteria in legno. Potrebbe essere quella che utilizzeremo in futuro. Lo sostengono i ricercatori dell'Università del Maryland: una scheggia di legno, se rivestita di stagno, potrebbe diventare una vera e propria batteria.

Ovviamente, una scoperta che salterà all'occhio degli ambientalisti poiché si rivelerà certamente più rispettosa e “green” rispetto alle soluzioni odierne. In pratica, i componenti della batteria sono più sottili di un foglio di carta, fino ad un migliaio di volte. Il litio è sostituito dal sodio che, sebbene meno inquinante, immagazzina anche meno energia. Tuttavia, quest'ultimo aspetto renderebbe necessarie delle dimensioni adeguate per una migliore resa. Quindi, ad oggi una batteria al sodio non potrà essere utilizzata per uno smartphone, ad esempio.

Gli studiosi hanno scoperto che queste fibre di legno, essendo flessibili, consentiranno qualcosa come 400 cicli di ricarica, per una durata complessiva molto competitiva. Questo contribuirà a realizzare una batteria a basso costo, grazie anche all'utilizzo di materiali comuni. “L'ispirazione è arrivata dagli alberi”, afferma Liangbing Hu, assistente presso l'Università dove si è concretizzata la scoperta. “Le fibre di legno che compongono un albero trattengono acqua ricca di minerali, quindi sono ideali per la memorizzazione di elettroliti liquidi”.