Ricoveri piu' brevi per i bimbi: la maglietta hi-tech monitora il cuore

bimbi maglietta cuore

Una maglietta potrà monitorare lo stato di salute dei bambini affetti da patologie al cuore da casa, riducendo la degenza in ospedale. È partita per la prima volta in Italia la sperimentazione di questo speciale dispositivo indossabile, annunciato come una vera e propria rivoluzione.

A Torino, presso il reparto di Cardiologia dell'ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute e della Scienza, è partito il progetto “Happy Heart”, che verrà ufficialmente presentato dalla dottoressa Gabriella Agnoletti domani 29 maggio.

Far sì che i bambini malati di cuore possano rimanere meno tempo in ospedale tornando a casa. È questo ciò che la maglietta permetterà di fare. Quest'ultima è dotata di sensori tessili “intelligenti” lavabili e riutilizzabili, che trasmettono il tracciato dell'elettrocardiogramma dei piccoli pazienti e la loro posizione.

Ogni maglietta è confezionata su misura e aderisce al corpo come una canottiera. Oltre al cuore, essa rileva anche la saturazione d’ossigeno, la frequenza respiratoria e la portata cardiaca 24 ore su 24.

Prodotta dall'azienda torinese Mtm Tech in collaborazione con università e centri di ricerca, la maglietta hi-tech trasmette i dati rilevati via Bluetooth ad uno smartphone fornito al paziente, che a sua volta trasmette le rilevazioni all'ospedale di riferimento.

Saranno 150 circa i bimbi che ogni anno potranno beneficiare di questa maglietta, ed in particolare i piccoli affetti da aritmia o i cosiddetti “bimbi cianotici”. Essi saranno seguiti a distanza dai cardiologi dell'Ospedale Regina Margherita. Un nuovo tipo di medicina, dicono dall'ospedale torinese, "su misura, non pret à porter, ma non per questo più costosa, anzi umana, etica ed economica".

I benefici psicologici per i bambini sono notevoli, grazie al monitoraggio del paziente a casa, al parco o a scuola, evitando così la dipendenza da strumentazioni ingombranti. Inoltre, il costo del progetto viene ammortizzato dall'ospedale in meno di 3 mesi così come i tempi di ospedalizzazione.

In futuro la sperimentazione dovrebbe estendersi anche ai pazienti affetti da scompenso cardiaco.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- TV: in futuro sarà...indossabile

- Cnr: creata la maglietta intelligente che monitora il sudore

- Tessuti intelligenti: i computer del futuro saranno indossabili

Pin It

Cerca