Mantello invisibile: alla Duke si stampa in 3D

mantello invisibile 3d

Il mantello dell'invisibilità potrà essere creato semplicemente usando una stampante 3D. La notizia viene ancora una volta dalla Duke University, dove da tempo si lavora ai meta-materiali e alla creazione del mantello invisibile, finora più vicino al mondo della fantascienza che a quello della scienza.

Iniziati sette anni fa, i lavori alla Duke oggi hanno portato a risultati non da poco. La stampa tridimensionale, tecnicamente nota come fabbricazione stereolitografica, sta diventando sempre più popolare, non solo a livello industriale ma anche privato. Essa solitamente consiste in un ugello mobile guidato da un software che stabilisce la sovrapposizione dei vari strati di materiale - di solito un polimero plastico - fino a produrre un oggetto tridimensionale. La produzione di un mantello in questo modo diverrebbe così poco costosa e facile.

A provarci è stato Yaroslav Urzhumov, assistente di ricerca in ingegneria elettrica e informatica presso la Pratt School della Duke. Insieme al suo team, il prof. ha creato uno piccolo disco-frisbee fatto di formaggio svizzero. Gli algoritmi hanno determinato la posizione, la dimensione e la forma dei fori per deviare i fasci di microonde.

Il mantello discoidale ha un'area aperta al centro, dove i ricercatori hanno posto un oggetto opaco. Quando i fasci di microonde miravano all'oggetto attraverso il lato del disco, il mantello dava l'illusione che non fosse lì. Proprio come per il mantello del 2006, infatti, la versione più recente devia i fasci di microonde, ma i ricercatori sono certi che in un futuro non troppo lontano, il mantello potrà funzionare anche per le lunghezze d'onda superiori, compresa la luce visibile. “Crediamo che questo approccio sia un cammino verso l'occultamento ottico, tra visibile e infrarosso”, ha detto Urzhumov. E il processo di fabbricazione può durare da tre a sette ore.

Direi che in sostanza che tutti coloro che possono spendere un paio di migliaia di dollari per una stampante 3D non industriale potranno letteralmente fare un mantello di plastica durante la notte”, ha detto Urzhumov. Ed è così che dopo Liberator, la prima arma stampata in 3D, sarà possibile creare anche il mantello invisibile utilizzando lo stesso genere di tecnologia.

I risultati degli esperimenti di Urzhumov sono stati pubblicati online sulla rivista Optics Letters.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- Alla Duke University realizzato il mantello invisibile

- Mantello invisibile: in Texas è realtà

- Mantello invisibile: dal Canada arriva Quantum Stealth. Lo useranno i soldati americani

- Stampanti 3D: una porta per la quarta dimensione

Pin It

Cerca