Materiali intelligenti: si modificano se esposti alla luce

materiali intelligenti luce

Esistono i materiali intelligenti? È la domanda a cui hanno tentato di rispondere, con successo, i ricercatori dell’Istituto superconduttori, materiali innovativi e dispositivi del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli (Cnr-Spin) in collaborazione con il dipartimento di Scienze fisiche e di scienze chimiche dell’università di Napoli Federico II.

Secondo gli esperti, la materia può essere intelligente. Come? Alcuni polimeri sarebbero in grado di modificare la loro forma in risposta a stimoli esterni, primo tra tutti la luce. La ricerca ha fatto emergere infatti che certi tipi di polimeri sono capaci di adattare la propria superficie allo stimolo luminoso, in modo da svolgere particolari funzioni.

Il nostro team ha preso in esame i polimeri fotosensibili, un particolare insieme di materiali plastici che reagisce alla radiazione dei fasci luminosi esterni”, ha spiegato Antonio Ambrosio, coordinatore della ricerca. “Grazie a tali proprietà, questi materiali intelligenti quando sono irradiati possono modificare la forma della loro superficie, dando luogo a microscopici rilievi e avvallamenti il cui profilo è dipendente dalla natura e dall’intensità della luce incidente”.

Non si tratta di materiali fantascientifici, visto che sono presenti in molti oggetti di uso comune, come CD e DVD, in cui la memorizzazione dei dati sfrutta proprio la loro sensibilità alla luce. “Grazie alla nostra ricerca abbiamo fatto un passo importante nella direzione di comprendere il comportamento di questi materiali, la cui risposta alla luce era finora rimasta inspiegabile, nonostante le loro grandi potenzialità e l’enorme ventaglio di applicazioni attuali e ancor più future”, conclude Ambrosio.

I risultati della ricerca potrebbero in futuro portare alla realizzazione di nuovi sofisticati dispositivi elettronici ed estendere le capacità di memorizzazione dati ben al di sopra degli standard odierni.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications.

Francesca Mancuso

Pin It

Cerca