scoperte casuali

Quali sono le scoperte accidentali che hanno cambiato il percorso dell'uomo? Ne abbiamo già esaminate alcune in passato. Ma, a quanto pare, il percorso non è finito. E, a pensarci bene, c'è dell'altro che, seppur per caso, ci ha cambiato la vita. Che sia in campo medico, astronomico, o invenzioni e innovazioni.

acqua grafene

Tra le sue diverse proprietà, il grafene si è dimostrato un materiale con un'estrema sintonia con l'acqua. Proprietà che, almeno fino ad ora, era rimasta un mistero. Fino ad oggi, infatti, il grafene era noto per essere un idrofobo. Tuttavia, secondo un recente studio, la vasta rete capillare alla base del grafene riesce ad aspirare il liquido vigorosamente, consentendo una rapida permeazione, ossia il raggiungimento del livello dell'acqua allo stesso spessore del grafene.

statua sinuosa

Una vera e propria statua sinuosa. Sembrerebbe un ossimoro visto che, quando si pensa ad una scultura, viene in mente il marmo e la staticità nel tempo. Tuttavia, si tratta di sculture dall'aspetto simile a quelle ben note dell'antica Grecia ma, in realtà, completamente malleabili e deformabili.

polizia inseguimenti

La polizia europea avrà presto il potere di controllare qualsiasi auto in circolazione sulla strada. L'Ue, infatti, starebbe segretamente sviluppando un dispositivo di "arresto a distanza" per disattivare i veicoli con un semplice click, letteralmente spegnendo ill motore di una macchina.

Se hai mai sentito un odore piuttosto sgradevole in coda al controllo passaporti, magari mentre sei in aeroporto prima di partire per un viaggio, non preoccuparti, presto potrebbe contribuire a ridurre il tempo della fila.

orologio atomico

Creato l'orologio più preciso del mondo. Basato sullo stronzio, è talmente preciso da non perdere né guadagnare un secondo in circa 5 miliardi di anni se potesse funzionare così a lungo. Tale periodo di tempo infatti supera la vita della Terra dalle sue origini ai giorni nostri: 4,5 miliardi di anni.

smart elevetor

Intelligenza artificiale: un ascensore in grado di capire a quale piano vuoi andare senza che tu prema alcun pulsante. Un vittoria per chi nelle pulsantiere degli ascensori vede solo un accumulo perverso di batteri pronti all'assalto. In verità si tratta di un progetto reale, posto in essere dalla Microsoft Research che sugli "smart devices" sta puntando molto.

lenti google

Niente aghi né dispositivi inseriti all'interno del corpo per misurare i livelli di glucosio. Potrebbero essere le lenti a contatto a rendere più facile la vita dei diabetici. A realizzarle è stato Google. Si tratta di sensori che utilizzano un chip wireless che rileva il glucosio dalle lacrime.

Pagina 13 di 28

Cerca