mano robotica1

Si muove ed è soprattutto in grado di riconosceregli oggetti che tocca. La mano bionica sperimentata a Roma su un paziente danese, funziona davvero. La mano artificiale è stata innestata sul braccio amputato dell'uomo ed è in grado di muoversi non solo rispondendo direttamente agli impulsi del cervello, ma anche di trasmettere sensazioni tattili.

Biotech e neuroscienze: dai crostacei si potranno ricavare protesi biodegradabili. È l'intuizione di alcuni scienziati dell'Hannover Medical School che, insieme con gli studiosi dell'Università di Torino, hanno verificato che, grazie al guscio dei crostacei derivato dagli avanzi dell'industria alimentare, si potrebbero riparare le lesioni di carattere nervoso

 DNA 1000 dollari

Il Dna umano sequenziato con mille dollari? Non più un’ipotesi, ma una realtà. La tecnologia, che rende accessibile a tutti l’analisi, è stata sviluppata da Illumina, una delle tre società leader in questo settore, che ha annunciato una serie di macchine, HiSeq X, capaci di realizzare questa impresa.

computer cervello

Due anni fa, un uomo tetraplegico dimostrò come si possa controllare un braccio robotico con la mente. Ora, i ricercatori dell'Università di Pittsburgh credono la stessa tecnologia possa essere utilizzata anche da persone con lesioni non-spinali ma che limitano il movimento, come ad esempio da coloro che sono affetti da sclerosi multipla o da sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Pagina 9 di 27

Cerca