whatsapp

WhatsApp potrebbe uscire dagli schermi di smartphone e tablet e piombare anche su quelli dei PC. Nessuna conferma ufficiale da parte della società ma a fornire l'indiscrezione è stato il sito olandese Androidworld.

appregalinatale

Cominciate già le spese pazze per Natale? Tra fidanzato, suocera e sorelle quel gruzzoletto che avevamo messo da parte rischia di finire in un giro di valzer e lasciarci a secco. Per fortuna che c'è la tecnologia, grideranno gli smartphone-addicted, e che, ovvio, di app per spendere al meglio ce ne sono a bizzeffe.

whatsapp-spunte

WhatsApp colpisce ancora. L'introduzione della doppia spunta blu ha permesso agli utenti di sapere quando i propri messaggi venivano non solo ricevuti ma anche letti. Adesso una nuova funzionalità indicherà anche l'ora di lettura. Un colpo al cuore (e alla privacy) di chi ancora cercava di usare la scusa di non aver letto il messaggio. Ma ecco cosa cambia.

SA-free-APP-gratuita-per-la-Sicurezza-Stradale

Un'app per avere informazioni sul traffico e i punti pericolosi sulle strade che stiamo percorrendo. È quello che garantisce SA Free, una nuova applicazione sviluppata da Sicurezza e Ambiente e pensata per segnalare ed aiutare gli automobilisti a percorrere con accortezza alcuni punti stradali pericolosi.

Whatsapp Lillipop

Whatsapp cambia look e diventa Material Design. Il celebre servizio di messaggistica si adegua dunque alle “regole” di Android 5.0 Lollipop, anche questa versione non è ancora ufficiale. Può dunque essere installata, ma a rischio e pericolo dell’utente. Non si avranno comunque funzionalità in più, ma solo modifiche nella grafica.

pharmawizard

Un'app per cercare il farmaco più appropriato. È il servizio digitale garantito da Pharmawizard che aiuta gli utenti nel labirinto della ricerca del farmaco e delle informazioni fondamentali circa il suo uso.

 App illusioni1

­­­­­­­La magia ora è opera degli smartphone: un’app sfida i maghi e trova la carta liberamente scelta dal pubblico. E riesce sempre nel trucco. Phoney, questo il nome dell’app, è opera di un gruppo di ricerca della Queen Mary University di Londra, ed è già disponibile su Google Play. Con Android 3.0 come requisito minimo, si propone come l’ennesimo esperimento per verificare se l’intelligenza artificiale pòssa realmente battere l’essere umano.

Pagina 4 di 23