Traumi: cancellati nel sonno grazie agli odori

brutto ricordo odore

Il sonno, insieme agli odori, può aiutare a cancellare i brutti ricordi. Le paure infatti potrebbero essere attenuate durante il riposo, alleviando le ansie provate quando si è svegli. È quanto emerge da uno studio condotto da Katherina Hauner, della Feinberg School of Medicine della Northwestern University di Chicago.

Oggi, queste condizioni vengono trattate soprattutto con la 'terapia dell'esposizione ', che richiede ai pazienti di rivivere intenzionalmente le proprie paure per imparare a ridurre le risposte agli stimoli traumatici. Ma tale trattamento può essere doloroso per alcune persone, soprattutto nelle fasi iniziali.

La dott. Hauner invece ha cercato un'altra strada, mettendo a punto una forma di terapia di esposizione che funziona con l'olfatto. “È affascinante, e molto promettente”, ha spiegato Daniela Schiller, neuroscienziato presso la Mount Sinai School of Medicine di New York. “Siamo abituati a pensare che occorre consapevolezza e comprensione delle risposte emotive per cambiarle”.

Per creare i ricordi paurosi, la squadra di Hauner ha sottoposto i partecipanti a delle lievi scariche elettriche e ad un odore particolare, come quello del limone o della menta. Nel frattempo, sono state mostrate loro le immagini di due visi. Così facendo, al volto veniva subito associata la paura.

Subito dopo questa fase di 'formazione', i ricercatori hanno monitorato le loro onde cerebrali. Nel momento in cui i 15 volontari sono entrati nella fase del sonno “a onde lente” , durante la quale i ricordi recenti vengono riprodotti e rafforzati, il team ha rilasciato uno degli odori legati alla paura. Somministrando l'odore a intervalli di 30 secondi, essi hanno cercato di innescare il ricordo del viso corrispondente, questa volta senza fornire scariche elettriche. Proprio come quando erano svegli, i soggetti hanno mostrato un aumento della sudorazione se esposti all'odore, ma con una minore paura.

Ma non solo. Una volta svegli, i soggetti hanno mostrato la stessa diminuzione della paura, se esposti alla combinazione odore-volto, innescata ripetutamente durante il sonno. I cambiamenti dell'attività dell'amigdala, una regione del cervello coinvolta nelle emozioni e nella paura, suggeriscono che il trattamento non ha cancellato il ricordo pauroso, ma piuttosto ha creato nuove associazioni innocue.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- Le 5 cose da sapere sui sogni

- Dove nascono i sogni?

- Modificata la memoria nei topi: creati dei falsi ricordi nel loro cervello

- Memoria: cancellata dalla mancanza di sonno

Pin It

Cerca