Mai puntuale? Sei affetto da "ritardo cronico"

ritardo cronico

Sono molte le scuse, e delle più svariate, da parte di coloro che sono costantemente in ritardo. Ma un signore scozzese sostiene di avere una vera e propria malattia che lo porta ad arrivare ai suoi appuntamenti sempre e solo in ritardo.

Si chiama Jim Dunbar e vive a Forfar, in Scozia. È sempre stato in ritardo per tutta la vita, anche ai funerali, e in occasioni di date particolari e giorni festivi. Ma piuttosto che accettare il suo essere sempre perennemente in ritardo, dichiara sulle pagine del Daily Mail di avere una malattia che gli rende difficile fare una pianificazione dei propri impegni.

Al 57enne scozzese è stato diagnosticato un disturbo legato alle aree cerebrali colpite da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Per lui, essere in ritardo 20 minuti era un fatto del tutto naturale. Il signor Dunbar ha spiegato che “la ragione per cui voglio venire allo scoperto è che c'è altra gente con lo stesso problema e non si rende conto che non è colpa sua”.

I medici del Ninewells Hospital di Dundee, dove Jim Dunbar è stato messo sotto osservazione, hanno dunque constatato un “ritardo cronico” del soggetto in questione. L'ADHD è un disturbo molto diffuso negli Stati Uniti e comincia ad essere diagnosticato, o meglio, se ne inizia ad avere una certa consapevolezza, anche nel nostro paese.

In pratica, questo deficit di attenzione e iperattività non consente all'individuo di valutare bene il tempo necessario per compiere alcuni compiti. E ciò li porta a svolgere determinate attività sempre in ritardo. “Ho dato la colpa a me stesso ed ho pensato 'Perché non riesco ad essere puntuale?' Ho perso un sacco di posti di lavoro. Posso capire la reazione della gente e il perché non mi credano”.

Ad ogni modo, assicurano gli esperti, la sindrome da ritardo cronico non è irreversibile. Basta una minima organizzazione e si consiglia ai ritardatari di monitorare i propri impegni e misurare il tempo richiesto per svolgere alcune attività.

Federica Vitale

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

Leggi anche:

- Le 7 manie "inconsapevoli" dell'uomo moderno

Pin It

Cerca