Aryan, il bambino/calendario che calcola date fino 2068

bambino calendario

Per consultare la data del vostro prossimo compleanno, decidere quando convolare a giuste nozze o prendere un importante impegno di lavoro potrebbe non essere più necessario consultare il calendario. Basta chiedere a Aryan Parab, un bambino di 8 anni. A prima vista sembra un ragazzino come tanti, ma la differenza la fa sua innata capacità di dire con precisione qualsiasi data gli si chieda, fino al 2068.

Un piccolo genio, insomma, che in 30 o 40 secondi è in grado di dire a parenti ed amici quando cadrà il loro compleanno nel prossimo futuro. Sembrerebbe un gioco. Ma la mente di Aryan è una vera e propria calcolatrice. E, infatti, come non immaginare che la sua materia preferita a scuola sia proprio l'aritmetica!

Per i suoi calcoli, il bambino usa diverse tecniche. Come lui stesso racconta, "a volte mi ricordo il primo giorno del mese, quindi conto in avanti ogni settimana e considero il fattore degli anni bisestili". E come lo stesso nonno spiega del suo nipotino, Aryan riesce a preparare un intero calendario di un anno in soli 20/25 minuti e senza l'utilizzo di alcun materiale di riferimento o consultando Internet.

Ma il trucco c'è. In realtà, come svela il genio dei numeri, il nostro calendario si ripete ogni 11 anni. Quindi, va da sé che, qualora si voglia conoscere la data del nostro compleanno, nei prossimi anni, basta considerare che questo cadrà lo stesso giorno di 11 anni prima.

I genitori di Aryan sono, ovviamente, molto entusiasti del loro bambino. E sono stati i primi ad accorgersi delle capacità di calcolo del loro piccolo. La madre, ingegnere informatico, e il padre, professionista di telecomunicazioni, hanno realizzato solo scorso maggio quanto il loro figlioletto fosse bravo a calcolare i giorni senza alcun riferimento cartaceo. Tanto da segnalarne le capacità alla scuola dove, ora, Aryan non solo è un semplice studente, ma un vero calendario vivente per professori e compagni di classe.

Basta solo chiedere!

Federica Vitale

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

Leggi anche: 

- Le scadenze distruggono la creatività

Pin It