Microsoft acquista Skype per 8,5 miliardi di dollari

skype_microsoft

Entro fine anno Microsoft, acquistando Skype per 8,5 miliardi di dollari, concluderà il più grosso affare della sua storia. Le indiscrezioni dei giorni scorsi, avallate stamattina dal Wall Street Journal, hanno trovato conferma in un comunicato dell’azienda di Redmond. L'accordo definitivo prevede che Microsoft acquisirà il maggiore servizio di comunicazioni via internet per 8,5 miliardi di dollari dal gruppo di investitori guidato da Silver Lake.

Skype andrà ad integrare diversi prodotti Microsoft: dalle console Xbox ai nuovi Windows Phone e i Nokia di nuova generazione, ai servizi Outlook, Lync e “altro”, come si legge nel comunicato congiunto delle due aziende.

La società viene creata nel 2003 da Janus Friis e Niklas Zennstrom (già ideatori di Kazaa, uno dei primissimi servizi di file-sharing). Con la sua offerta di telefonate gratuite (e a prezzi bassi) via Voip - Voice over Internet protocol, la tecnologia che permette di telefonare via Internet - ha conquistato più di 800 milioni di utenti e 124 milioni di pc connessi al mese. Il 17 gennaio scorso Skype ha superato la soglia dei 28 milioni di persone collegate al servizio nel medesimo istante. Nel 2005 l'azienda lussumburghese è stata rilevata da Ebay, che nel novembre 2009 ha ceduto la maggioranza delle azioni per 1,9 miliardi in contanti ad un consorzio comprende Silver Lake, Andreessen Horowitz ed il Canada Pension Plan Investment Board.

L'acquisizione - si legge nel comunicato Microsoft - aumenterà l'accessibilità della comunicazione video e voce in tempo reale, portando benefici a consumatori e aziende e portando nuovi ricavi e opportunità di business”. Con l’acquisto di Skype l'azienda di Bill Gates punta a rafforzare la sua gamma di prodotti e servizi basati sulla comunicazione in tempo reale (Outlook, Lync, Messenger, Hotmail e Xbox Live).

Con il suo investimento, Microsoft appianerà i 686 milioni di dollari di debiti di Skype che, nonostante gli 860 milioni di fatturato, ha chiuso l’anno fiscale 2010 con una perdita netta di 7 milioni di dollari. “Skype offre un servizio fenomenale, amato da milioni di persone in tutto in mondo”, afferma nella nota congiunta Steve Ballmer, CEO di Microsoft. “Insieme creeremo il futuro della comunicazione in tempo reale e permetteremo alle persone di restare facilmente in contatto con la propria famiglia, gli amici, i colleghi e i clienti in tutto il mondo”.

Nei mesi scorsi Skype aveva rinunciato alla quotazione in Borsa ed era iniziata a circolare la voce di un'acquisizione da parte di un colosso tecnologico, con Google e Facebook che sembravano in vantaggio. Fino alla svolta di oggi.

Antonino Neri

Pin It

Cerca