Google sfida Skype con la traduzione simultanea

google-translate

In arrivo una nuova funzione di Google Translate che consentirà di tradurre automaticamente e istantaneamente qualunque lingua parlata. E, soprattutto, lo farà sfidando la piattaforma Skype, già all'opera su questo fronte.

I due giganti, dunque, annunciano una vera e propria rivoluzione nei modelli di comunicazione, con un effettivo calo della barriera linguistica. Google si aspetta di integrare un nuovo tipo di conversazione con servizio di traduzione simultanea. Secondo il New York Times, il colosso web prevede di offrire un servizio in grado di riconoscere la lingua parlata e tradurre istantaneamente in quella di arrivo.

Google Translate già offre una funzione simile, per la registrazione delle parole e la loro traduzione nella lingua desiderata. Si deve ad un sintetizzatore vocale la possibilità di ascoltare quel che è stato tradotto. È quindi facile immaginare che un tale modulo possa presto essere integrato anche ad altri servizi, come Hangout, ad esempio, la messaggistica istantanea di Big G. Lo stesso vale per Android, che potrebbe sostenere una traduzione in tempo reale delle chiamate audio. Macduff Hughes, direttore tecnico di Google Translate, ha spiegato come la traduzione sia una componente critica della navigazione web e comprende quasi l'80 o il 90 per cento di appena 10 lingue parlate. Un aspetto da non sottovalutare e che necessita di essere migliorato e potenziato.

In particolare, la sfida di Google è quella di non lasciare troppo spazio al suo diretto concorrente Microsoft. Quest'ultimo, infatti, aveva già svelato di voler lanciare una versione di prova di Skype Translator, uno strumento che consente di tradurre in tempo reale le conversazioni via Skype tra due o più persone. Il processo colpisce per la sua precisione e velocità, anche se deve ancora essere migliorato.

Il 2015, quindi, promette di essere l'anno di inizio di una guerra tra giganti sullo stesso fronte, ovvero quello dei traduttori in tempo reale. Si parla, infatti, di una traduzione precisa e, soprattutto, simultanea, nel corso della conversazione e senza periodi di inattività. Prossima frontiera? Quella di rendere il sintetizzatore vocale più fluido e, possibilmente, in grado di imitare il tono della voce e l'intonazione.

Federica Vitale

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

Leggi anche:

- Traduzione in conference call: arriva Skype Translator

- Skype: video in 3D in arrivo

Pin It

Cerca