Nextme

New Horizons si sveglia e si prepara all’incontro con Plutone

 New Horizons risveglio

New Horizons uscirà dal letargo il 6 dicembre, e si prepara già da ora all’incontro con Plutone. Dopo tre settimane di “sonno elettronico” la Nasa annuncia il suo risveglio e progetta nei minimi dettagli il meeting spaziale, che porterà la sonda ad esplorare il pianeta più lontano (e più discusso) del Sistema Solare. New Horizons è dunque sana e perfettamente in grado di portare a termine la sua missione.

Ultima modifica: Lunedì, 17 Novembre 2014 08:51

Visite: 495

new-horizons_risveglio

New Horizons uscirà dal letargo il 6 dicembre, e si prepara all’incontro con Plutone. Dopo tre settimane di “sonno elettronico” la Nasa annuncia il suo risveglio e progetta nei minimi dettagli il meeting spaziale, che porterà la sonda ad esplorare il pianeta più lontano (e più discusso) del Sistema Solare. New Horizons è dunque sana e perfettamente in grado di portare a termine la sua missione.

“New Horizons è in perfetta salute e può muoversi liberamente nello spazio profondo a quasi 5 miliardi di chilometri da casa, ma il suo riposo è quasi finito – ha spiegato Alice Bowman, New Horizons operational manager presso il Physics Laboratory della Johns Hopkins University Applied di Laurel (Usa) – È tempo per la New Horizons di svegliarsi, andare al lavoro, e iniziare a fare la storia”.

Dal lancio, nel gennaio 2006, New Horizons ha trascorso mille e 873 giorni in letargo, circa i due terzi del suo tempo di volo, ha attraversato 18 periodi di ibernazione, tra metà 2007 a fine 2014, molto variabili da 36 a 202 giorni. In modalità di ibernazione, comunque, gran parte del veicolo spaziale è alimentato e monitorato con il sofisticato sistema di volo a bordo che trasmette i dati a terra.

In media, gli operatori “svegliano” New Horizons circa due volte l’anno per verificare i sistemi più critici, calibrare gli strumenti, raccogliere dati scientifici, provare le attività per l’incontro con Plutone, ed eseguire le correzioni di rotta in caso si verificassero situazioni di necessità. Il prossimo risveglio è stato già programmato per le ore 9 del 6 dicembre ora italiana.­­­­­

Le osservazioni di Plutone inizieranno come stabilito il 15 gennaio 2015 e proseguiranno fino alla fine di luglio 2015. L’avvicinamento al pianeta è invece previsto per il giorno 14 luglio. “Abbiamo lavorato anni per prepararci a questo momento – ha raccontato Mark Holdridge, responsabile della missione – […] Ora siamo pronti ad andare […] Siamo quasi alle porte di Plutone!”.

Se la sonda riuscirà nell’impresa, promettono gli esperti della Nasa, sarà scritta una nuova pagina della storia.

Roberta De Carolis

Foto: Nasa

Seguici su Facebook, Twitter e Google +

LEGGI anche:

- Un selfie globale per gli alieni: invialo alla sonda New Horizons

- New Horizons: la sonda in viaggio verso Plutone

Ultima modifica: Domenica, 16 Novembre 2014 16:13

Visite: 130

Sonda Rosetta: lo storico atterraggio sulla superficie di una cometa

Philae touchdown

Rosetta ce l'ha fatta. La missione dell'Agenzia Spaziale Europea ha raggiunto il suo biettivo, ovvero quello di sbarcare con la piccola sonda Philae sulla superficie di una cometa. Questa è la prima volta nella storia che viene provato un atterraggio morbido su uno di questi corpi celesti. Un evento che ha avuto luogo nella giornata di ieri, alle 17:03 ora italiana.

Ultima modifica: Giovedì, 13 Novembre 2014 10:52

Visite: 1237

Sonda Rosetta: oggi l'atterraggio del lander Philae

Philae descent

Oggi il lander Philae della sonda Rosetta atterrerà sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Partito dieci anni fa dalla Terra, il veicolo dell'Agenzia spaziale europea è entrato nella sua orbita ad agosto. Ma oggi, 12 novembre, per la prima volta uno strumento terrestre toccherà il suolo di una cometa.

Ultima modifica: Mercoledì, 12 Novembre 2014 08:26

Visite: 588

Quante stelle ci sono nell'universo?

stelle universo

Quando guardiamo il cielo notturno, pieno di stelle, è difficile resistere allo straordinario impulso di provare a contarle. Basti pensare che, proprio ad occhio nudo, laddove i cieli sono più scuri, è possibile vederne qualche migliaio. Ma quante stelle ci sono in tutto nell'Universo?

Ultima modifica: Venerdì, 07 Novembre 2014 13:02

Visite: 893

La Terra a confronto coi colossi del sistema solare: le spettacolari immagini

sistema solare dimensioni

Quanto sono grandi i pianeti del sistema solare? E le loro lune? È difficile averne la percezione reale. La Terra, per noi enorme, è un puntino se messa a confronto con pianeti del calibro di Giove e Saturno.

Ultima modifica: Venerdì, 07 Novembre 2014 11:42

Visite: 1253

Fotografata la culla dei pianeti attorno ad una stella

disco alma cover

Una giovane stella, osservata come mai era stato fatto prima d'ora. La nuova immagine scattata da Alma (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) mostra il disco da cui si originano i pianeti attorno a HL Tauri, una stella che si trova a 450 anni luce da noi.

Ultima modifica: Venerdì, 07 Novembre 2014 07:56

Visite: 589

Esplosioni sul sole: le macchie solari visibili ad occhio nudo. Il video

macchiasolare gigante

Una macchia solare gigante è apparsa agli occhi degli scienziati questa settimana. Un'enorme chiazza sulla superficie della nostra stella che, si assicura, non rappresenta alcuna minaccia per gli umani.

Ultima modifica: Mercoledì, 05 Novembre 2014 16:40

Visite: 817

NextMe.it è un supplemento di greenMe.it Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 - p.iva 09152791001 - © Copyright 2009-2012

Top Desktop version