New Horizons si avvicina a Plutone: attesa per il 25 gennaio

Alieni messaggi Nasa cop

Da 9 anni è in volo verso Plutone, ma adesso la sonda della Nasa New Horizons si appresta al suo primo flyby. Il veicolo si trova adesso a circa 220 milioni di distanza dal pianeta, di recente riconfermato come tale dall'Uai.

New Horizonsn ha da poco iniziato il tanto atteso incontro con Plutone. Il 25 gennaio, la sonda inizierà ad effettuare le prime osservazioni. Adesso sta entrando nella prima delle fasi di approccio che culmineranno 14 luglio con il primo primo flyby del pianeta, a 7,5 miliardi di chilometri dalla Terra.

La sonda è decollata a gennaio del 2006 e a dicembre si è svegliata dal suo periodo di ibernazione dopo un viaggio di oltre 4,8 miliardi di chilometri. New Horizon passerà presto "vicino" a Plutone, dentro le orbite delle sue note cinque lune.

La prima missione della Nasa verso il lontano Plutone sarà anche la prima vista ravvicinata da parte dell'uomo di questo freddo mondo inesplorato del nostro sistema solareha detto Jim Green, direttore del Planetary Science Division della Nasa. “Il team di New Horizons ha lavorato molto duramente per preparare questa prima fase”.

Le immagini catturate dal telescopio di New Horizons, chiamato Lorri, daranno agli scienziati una migliore visione della dinamica dei satelliti di Plutone.

Stiamo completando il viaggio più lungo effettuato da qualsiasi veicolo spaziale volato dalla Terra fino a raggiungere l'obiettivo primario, e siamo pronti per cominciare ad esplorare”, ha aggiunto Alan Stern, del Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado.

Lorri scatterà centinaia di immagini di Plutone nel corso dei prossimi mesi per perfezionare le stime attuali della distanza tra il veicolo spaziale e il pianeta nano. Gli scienziati della missione utilizzeranno i dati per progettare le manovre e lanciare la navicella verso il suo punto di arrivo di questa estate. La prima di queste manovre potrebbe verificarsi già a marzo.

avvicinamentoNewHorizons

Durante la prima fase di avvicinamento, New Horizons condurrà una notevole quantità di indagini scientifiche. Gli strumenti della navicella raccoglieranno dati sull'ambiente interplanetario comprese le misurazioni delle particelle ad alta energia e delle concentrazioni delle polveri nella Fascia di Kuiper. Oltre a Plutone, questa zona, la regione esterna inesplorata del sistema solare, potrebbe ospitare potenzialmente migliaia di pianeti rocciosi fatti di ghiaccio, simili a Plutone.

Curiosità. I propulsori e i sistemi di trasmissione dati di New Horizons sono gestiti dalla CPU della PlayStation 1.

Francesca Mancuso

Foto: Nasa

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

New Horizons si sveglia e si prepara all’incontro con Plutone

Cosa vorresti dire a un alieno? Scrivi alla Nasa

Un selfie globale per gli alieni: invialo alla sonda New Horizons

New Horizons: la sonda in viaggio verso Plutone

La sonda New Horizons è in pericolo: colpa della lune di Plutone

Pin It

Cerca