Luna blu: da dove ha origine il suo nome?

bluemoon

Appuntamento questa notte con la tanto attesa luna blu. Ma non aspettatevi una particolare colorazione bluastra che richiami il suo nome. Si tratta semplicemente di un fenomeno raro che non va preso alla lettera. Quella di questo 31 agosto, infatti, non sarà una luna effettivamente blu, piuttosto è il nome che si dà alla seconda luna piena nell'arco di uno stesso mese.

La rarità del fenomeno della luna blu sta nel fatto che il calendario che noi seguiamo non aderisce alle fasi lunari. In questo modo, quando si verificano due pleniluni nell'arco dello stesso mese, ha luogo quello che viene considerato un evento insolito.

Un fenomeno da non perdere visto che il prossimo accadrà nel luglio del 2015. Infatti, la luna blu cade ogni 2.7 anni. Sebbene questa non sia una cadenza regolare. L'ultima si è avuta il 31 dicembre 2009 e coincise con un'eclissi parziale di luna.

La prima volta che l'espressione blue moon comparve fu nel 1932. In un articolo del Maine Farmer's Almanac, veniva data tale definizione alla terza luna piena che si verifica in una stessa stagione. Nei paesi anglosassoni, l'origine del nome affonda nell'antichità. Partendo dal presupposto che blu era la terza luna piena delle quattro verificatesi in una sola stagione, si iniziò ad attribuire al fenomeno un alone mistico e misterioso. L'espressione passò così a indicare un evento raro che potrebbe tradursi con l'italiano "ogni morte di papa". Ad ogni modo, l'espressione vuole indicare un'assurdità o un'impossibilità.

Nel 1946, l'astronomo James Hugh Pruett interpretò erroneamente tale definizione e utilizzò l'espressione per riferirsi invece alla seconda luna piena dello stesso mese. Ed è da questo "errore" che ancora oggi persiste il termine.

Andando però indietro nei secoli, fermandoci nella linea del tempo al 16esimo secolo, il termine fu usato per la prima volta dal Cardinale Wolsey, noto consigliere del celeberrimo Enrico VIII. Il cardinale in questione, scrivendo dei propri nemici intellettuali, si riferì loro affermando che "avrebbero persino creduto che la luna sia blu".

Tuttavia, ci sono dei casi in cui effettivamente la luna diventa blu. Quando qualche anno fa il vulcano Krakatoa esplose violentemente, l'atmosfera e l'aria circostante si impregnarono delle ceneri vulcaniche. La sera dell'esplosione, i raggi lunari si tinsero di sfumature bluastre. Chi osservò il satellite in quell'occasione ebbe l'opportunità di assistere ad una luna verosimilmente blu.

Ma non solo. Anche monsoni particolarmente violenti conseguenza di stagioni molto secche o incendi di grosse proporzioni possono contribuire a rendere la luna blu. Fenomeni comunque rari che coincidono anche con la rarità del significato.

Come la si voglia considerare, quindi, un appuntamento da non perdere.

Federica Vitale

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico