Esopianeti: nuovi mondi attorno alla stella Alpha Centauri

kepler 10c

A due passi dalla Terra potrebbero esserci due pianeti molto simili al nostro. Nel sistema stellare binario Alpha Centauri sarebbe presente un coppia di mondi delle dimensioni della Terra.

Non illudiamoci. Al loro interno la vita è quasi impossibile. La loro distanza della stella ospite è infatti troppo ravvicinata per l'acqua allo stato liquido. Tuttavia, la scoperta apre la possibilità di altri pianeti nel sistema stellare ma con climi più temperati.

Alpha Centauri è un sistema stellare binario a soli 4,3 anni luce di distanza dal nostro. Nel 2012 gli astronomi aveva annunciato che il sistema ospitava un pianeta, chiamato Alpha Centauri Bb, in orbita intorno alla più piccola delle stelle, Alpha Centauri B. Si trattava di un mondo roccioso, leggermente più massiccio della Terra. Ma nel 2013, altri ricercatori ne misero in dubbio l'esistenza, sostenendo che non c'erano prove sufficienti.

Se chiedete a chiunque lavori con gli esopianeti, hanno tutti un'opinione diversa sull'esistenza di Alpha Centauri Bb”, ha detto Brice-Oliver Demory, autore della ricerca per l'Università di Cambridge.

È per questo che lui e i suoi colleghi hanno utilizzato il telescopio spaziale Hubble per la ricerca del pianeta. Dopo varie analisi, non sono stati in grado di trovarlo, ma hanno notato la traccia di un secondo mondo delle dimensioni della Terra nel sistema di Alpha Centauri.

Lo studio si è basato sul metodo della velocità radiale, una tecnica per la “caccia” di pianeti, che si basa sull'attrazione gravitazionale di un pianeta, con una leggera oscillazione della propria stella. La ricerca di Demory ha poi utilizzato la tecnica del transito, ossia la mancanza momentanea di luce per via del passaggio di un pianeta davanti alla stella. Questi due metodi sono indipendenti l'uno dall'altro.

Le misure originali suggerivano che Bb (se davvero esisteva) impiegava circa tre giorni per orbitare intorno alla sua stella. Ma non tutti i pianeti effettuano transiti dal nostro punto di vista sulla Terra, perché dipende da come il pianeta e la stella sono allineati.

La squadra di Demory ha osservato Alpha Centauri B nel 2013 e 2014, per un totale di 40 ore. I dati del 2013 avevano mostrato segni di un passaggio coerente con i parametri orbitali suggeriti, ma sembrava durare un po' più a lungo del previsto, e la validità statistica del segnale scomparve quando venne combinata con i dati del 2014. Ciò non significa che Bb non c'è, solo che se esiste è improbabile che il transito sia visibile dalla Terra.

Ciò lascia ancora dubbi su cosa abbia causato il segnale notato nel 2013. Il team ha escluso errori da parte di Hubble o macchie sulla superficie della stella, a volte scambiati per esopianeti.

Essi hanno inoltre respinto la possibilità di interferenza da Alpha Centauri A, l'altra stella nel sistema binario, o da un sistema di stelle più lontano, che avrebbe potuto essere solo di passaggio.

L'unica spiegazione era la presenza di un altro pianeta.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Esopianeti: ecco quei 5 che somigliano alla Terra

Esopianeti, Kepler-186F: scoperto il cugino della Terra

Gliese 832c: il gemello della Terra a due passi da noi

Pin It
Tags: ,

Cerca