Esopianeti, Kepler-186F: scoperto il cugino della Terra

kepler186f

Nome in codice: Kepler-186F. È il nuovo lontano parente della Terra individuato dal telescopio spaziale Kepler della Nasa. Gli scienziati americani ne hanno dato ieri l'annuncio. L'esopianeta è il primo davvero simile alla Terra per dimensioni osservato ad orbitare attorno ad una stella nella cosiddetta zona abitabile.

Quest'ultima è la distanza esatta in cui un pianeta è abbastanza lontano dal suo sole per avere acqua allo stato liquido ma anche abbastanza vicino per poter beneficiare dei suoi effetti. Potremmo non essere soli nell'universo. La scoperta conferma infatti che pianeti delle dimensioni della Terra esistono davvero nella zona abitabile di altre stelle.

Finora, gli altri esopianeti trovat sono tutti almeno il 40 per cento più grandi in termini di dimensioni rispetto alla Terra. Non è il caso dell'ultimo arrivato, Kepler-186F, che ricorda molto da vicino la Terra, non solo per grandezza. Precedenti ricerche suggeriscono che i pianeti delle sue dimensioni probabilmente siano rocciosi.

"Conosciamo un solo pianeta dove esiste la vita, la Terra. Quando si cerca la vita fuori dal nostro sistema solare ci concentriamo sulla ricerca di pianeti con caratteristiche che imitano quelle della Terra”, ha detto Elisa Quintana , ricercatore delll'Istituto SETI della Nasa e autore principale del documento pubblicato ieri sulla rivista Science. “Trovare un pianeta simile alla Terra per dimensioni nella zona abitabile è un importante passo in avanti”.

Kepler-186F si trova nel nel sistema Kepler-186 , a circa 500 anni luce dalla Terra nella costellazione del Cigno. Ma non è l'unico pianeta a ruotare attorno alla sua stella, una nana rossa di classe M che ha massa e dimensioni dimezzate rispetto al Sole. (una classe di stelle che costituisce il 70 per cento di quelle presenti nella Via Lattea). Del sistema fanno parte anche altri quattro pianeti. “Le Nane M sono le stelle più numerose. I primi segni di altre forme di vita nella galassia potrebbero provenire da pianeti in orbita attorno ad esse”.

kepler186f grafico

Kepler-186F orbita attorno alla sua stella una volta ogni 130 giorni, rispetto ai nostri 365, e riceve un terzo l'energia dalla sua stella rispetto a quella che la Terra riceve dal sole, ponendosi per questo motivo più vicino al confine esterno della zona abitabile. Sulla superficie di Kepler-186F, la luminosità della sua stella a mezzogiorno è come quella che sulla Terra si ammira circa un'ora prima del tramonto.

I quattro pianeti compagni sono Kepler-186b, Kepler-186C, Kepler-186d e Kepler-186e che ruotano intorno al loro sole ogni 4, 7, 13 e 22 giorni. Ciò li rende troppo caldi per la vita come noi la conosciamo.

seti

Foto: Seti

Tuttavia, spiegano gli scienziati, trovarsi nella zona abitabile non significa dire con certezza che un pianeta è abitabile. Molto dipende anche dal tipo di atmosfera, da cui dipende la temperatura del pianeta: “Kepler-186F può essere pensato come un cugino della Terra, piuttosto che come un gemello. Ha molte proprietà che le assomigliano,” ha detto Thomas Barclay, co-autore del documento.

I prossimi passi nella ricerca di vita lontana includono altri pianeti in orbita intorno alle loro stelle all'interno della zona abitabile, di cui saranno misurate le composizioni chimiche. Nuovo lavoro per il Kepler space Telescope, in grado di misurare simultaneamente la luminosità di oltre 150.000 stelle.

Francesca Mancuso

Foto: Nasa

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Sonda Kepler: scoperti altri 715 esopianeti

Missione Keplero: tutti i pianeti 'abitabili' scoperti dalla sonda

Scoperto il sosia della Terra, il pianeta blu

Kepler-22b: il pianeta gemello della Terra

 

Pin It

Cerca