Esopianeti abitabili: a soli 13 anni luce dalla Terra

pianeti vicini

I pianeti potenzialmente abitabili non sono poi così distanti dalla Terra. A soli 13 anni luce di distanza dal nostro pianeta infatti potrebbero esserci corpi su cui la vita è possibile. Ad aumentare la probabilità di non essere soli nell'universo è uno nuovo studio realizzato dagli astronomi dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

 

Utilizzando i dati messi a disposizione dal telescopio spaziale Kepler della Nasa, gli scienziati hanno scoperto che il 6% delle stelle nane rosse potrebbe avere attorno pianeti simili alla Terra per dimensioni e distanza dalla loro stella, e per questo potenzialmente adatti alla vita.

Le nane rosse sono stelle più piccole, più deboli e meno calde del nostro sole e dalla Terra non è possibile vederle ad occhio nudo. Nonostante ciò, tali stelle sono posti interessanti dove cercare pianeti simili alla Terra, non solo per le loro caratteristiche ma anche perché sono molto numerose. Esse infatti costituiscono i tre quarti delle stelle presenti nella nostra galassia, circa 75 miliardi.

Analizzando il catalogo delle 158mila stelle osservate dal telescopio Kepler, gli astronomi hanno prima identificato tutte le nane rosse, hanno poi scoperto attorno ad esse 95 pianeti candidati alla vita. Secondo gli esperti, la quasi totalità delle stelle analizzate erano più piccole e più fresche di quanto si pensasse. Dei 95 pianeti, però solo tre potrebbero essere davvero simili alla Terra. Statisticamente ciò significa che il 6% di tutte le stelle nane rosse dovrebbe avere un pianeta simile alla Terra.

I tre candidati abitabili identificati nello studio sono KOI1.422,02, le cui dimensioni sono il 90 per cento di quelle della Terra, KOI 2.626,01 che misura 1,4 volte la Terra e KOI 854,01, che è 1,7 volte il nostro pianeta. Tutti e tre si trovano a circa 300 anni luce di distanza e orbitano attorno a stelle con temperature comprese tra 5700 e 5900 gradi Fahrenheit. (Per fare un confronto, la superficie del nostro Sole è di 10.000 gradi F.)

Abbiamo pensato che avremmo dovuto cercare a grandi distanze per trovare un pianeta simile alla Terra. Ora ci rendiamo conto che un'altra Terra è probabilmente 'nel nostro cortile di casa', in attesa di essere scoperta”, ha detto l'astronomo di Harvard e autore principale Courtney Dressing.

Ora sappiamo il tasso di insorgenza di pianeti abitabili attorno alle stelle più comuni nella nostra galassia”, ha proseguito il co-autore David Charbonneau. “Questo tasso implica che sarà molto più facile la ricerca di vita al di là del sistema solare di quanto si pensasse in precedenza.”

Ma c'è dell'altro. Dal momento che le nane rosse vivono molto più a lungo, questa scoperta solleva l'interessante possibilità che la vita su un altro pianeta possa essere molto più antica e più evoluta di quella sulla Terra. “Potremmo trovare una Terra di 10 miliardi di anni,” ipotizza Charbonneau.

I risultati saranno pubblicati anche sulla rivista The Astrophysical Journal.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Missione Keplero: tutti i pianeti 'abitabili' scoperti dalla sonda

- Keplero: scoperti altri 461 esopianeti potenzialmente adatti alla vita

Pin It