Universo: viviamo in un grande ologramma

Universo come ologramma

L’universo non è reale, potrebbe essere un unico e gigantesco ologramma, secondo uno studio anglo-italo-canadese. I ricercatori, fisici e astrofisici teorici, ritengono di aver ottenuto la le prime prove concrete a sostegno di una spiegazione olografica del cosmo, analizzando le irregolarità della radiazione cosmica di fondo.

Un ologramma è una lastra o pellicola fotografica che riproduce un’immagine tridimensionale di un oggetto ottenuta con la tecnica dell’olografia, una particolare tecnologia ottica di memorizzazione di un’informazione visiva. Un ologramma è dunque una sorta di proiezione 3D da un piano bidimensionale.

Un universo olografico, idea suggerita nel 1990 e più volte ripresa dagli scienziati, è un universo in cui tutte le informazioni, che costituiscono la realtà in 3D (e con una quarta dimensione data dal tempo) sono contenute in una superficie bidimensionale ai suoi confini.

“Immaginate che tutto quello che si vede, si sente e si ascolta in tre dimensioni (inclusa la percezione del tempo) sia in realtà emanato da un campo bidimensionale, piatto” spiega Kostas Skenderis, professore di Scienze Matematiche presso l’Università di Southampton e coautore del lavoro.

Come una carta di credito codifica informazioni complesse, multidimensionali, in una striscia magnetica al bisogno, per poi restituircele, così il nostro universo potrebbe “raccogliere e proiettare” tutto l’immenso patrimonio di dati del cosmo. Un po’ come vedere un film 3D da una pellicola 2D.

Forse, “vera” o proiettata che sia, la realtà è la stessa e la definizione di questa differenza non cambia la vita di tutti i giorni. Ma gli scienziati ora sperano che il loro studio aprirà presto le porte ad una migliore comprensione dell’universo, e potrà aiutare a spiegare la nascita di spazio e tempo. E una simile consapevolezza potrebbe aprire altre infinite porte sul futuro.

Il lavoro è stato pubblicato su Physical Review Letters.

Roberta De Carolis

Seguici su Facebook, Twitter e Google +

LEGGI anche:

- L’universo in cui viviamo è un ologramma?

- Ecco a che velocità si espande l'universo  

Pin It

Cerca