Buchi neri: la via per gli universi paralleli. La teoria da Nobel di Stephen Hawking

bucoNero orizzonte

Cosa accade a un oggetto fisico quando finisce all'interno di un buco nero? Uno dei misteri più suggestivi e discussi dell'universo potrebbe aver trovato una risposta. A teorizzarla è stato uno dei massimi esperti della materia, Stephen Hawking.

Secondo il fisico teorico, ciò permetterebbe di risolvere il paradosso dell'informazione del buco nero, secondo cui l'informazione fisica potrebbe sparire in un buco nero. Così non è secondo l'ultima teoria di Hawking.

Per il fisico, l'informazione viene mantenuta parzialmente nelle particelle a due dimensioni sull'orizzonte degli eventi, la sfera che circonda il buco nero. La stessa informazione potrebbe riemergere nel nostro universo o anche in un universo parallelo, attraverso la radiazione di Hawking. Quest'ultima, secondo le ipotesi, è una radiazione termica emessa dai buchi neri a causa degli effetti quantistici.

Nel 2015, insieme ad alcuni colleghi Stephen Hawking aveva accennato alle ricerche portate avanti per risolvere il paradosso dell'informazione. Ora lo studio è stato pubblicato e mostra la soluzione fornita dagli scienziati.

La risposta sarebbe nei “peli” che si formano sulla orizzonte degli eventi, creando una sorta di impronta olografica bi-dimensionale. Per Hawking l'esistenza di questi “peli” è dimostrabile. Una scoperta che potrebbe valere il Premio Nobel.

black hole info

Foto

Ma facciamo un passo indietro. Il problema dei buchi neri è che, secondo la teoria generale della relatività di Einstein e in base a quello che sappiamo su come la gravità interagisce con l'universo e su cosa accade alle informazioni che attraversano il confine di un buco nero (orizzonte degli eventi), un'informazione si perde per sempre. Ciò vale anche per la luce.

Nel 1970, Hawking ha proposto l'idea che l'Universo sia pieno di "particelle virtuali" che si annientano non appena vengono a contatto. In questo scenario, una particella viene inghiottita e l'altra si irradia nello spazio.

Quando un buco nero scompare, le informazioni vengono perse per sempre. Ciò costituisce un problema, perché secondo la meccanica quantistica le informazioni non possono essere perse. Da qui il paradosso.

La questione della presenza o meno di “peli” nel buco nero potrebbe risolvere il paradosso ed è ciò su cui si è soffermato Hawking.

“Penso che l'informazione non venga memorizzata all'interno del buco nero come ci si potrebbe aspettare, ma nel suo confine, l'orizzonte degli eventi”, ha detto Hawking in una conferenza ad agosto 2015. “Il buco nero non è così nero come viene dipinto. Non è la prigione eterna che una volta si pensava. Le cose possono uscire da un buco nero sia all'esterno sia in un altro universo”.

Nel documento, che è stato pubblicato online su arXiv.org, secondo Hawking e i colleghi Malcolm J. Perry dell'Università di Cambridge e Andrew Strominger di Harvard è possibile spiegare come l'informazione possa sfuggire a un buco nero dopo essere stata risucchiata.

“Abbiamo dimostrato che quando una particella carica entra, si aggiunge un fotone al buco nero. Quindi si aggiungono 'capelli' al buco nero”, ha detto Seth Strominger Fletcher a Scientific American.

L'idea è che quando particelle cariche vengono risucchiate in un buco nero, le loro informazioni lascino dietro di sé una sorta di impronta olografica bi-dimensionale sull'orizzonte degli eventi.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Gli 8 misteri irrisolti dell'universo

Stephen Hawking: secondo il fisico i buchi neri si rimpiccioliscono e spariscono

Stephen Hawking: se i buchi non sono più neri

Pin It

Cerca

ravenna2017 300x90