Nextme

Disturbi alimentari: la fame compulsiva si cura come l'Alzheimer

famenervosa

Abbuffate compulsive? Ci pensa un farmaco. Ed è lo stesso utilizzato per curare l'Alzheimer. Lo affermano gli scienziati della Boston University che, in collaborazione i colleghi con la University of Cambridge, hanno identificato il rimedio per curare la fame nervosa.

Ultima modifica: Mercoledì, 12 Novembre 2014 15:07

Visite: 670

Tecnologia indossabile: un collare contro l'ictus

collare neuron

Un collare hi-tech per salvare le persone colpite da ictus. Un'invenzione tutta italiana potrebbe aiutare nel trattamento delle conseguenze degli ictus, abbassando la temperatura del cervello. Si chiama Neuron Guard. Enrico Giuliani e Mary Franzese, i due ideatori, sono stati premiati da Intel in occasione del Global Challenge nella categoria Internet of Things Hardware.

Ultima modifica: Lunedì, 10 Novembre 2014 08:38

Visite: 634

Huggable, l'orsetto robot 3D che aiuta i piccoli malati

orsettorobot

La tecnologia al servizio della salute dei bambini: si chiama Huggable l'orsetto robot 3D creato al Mit di Boston che aiuta i piccoli ricoverati in ospedale.

Ultima modifica: Martedì, 04 Novembre 2014 10:33

Visite: 575

Autismo: con Siri un aiuto per la comunicazione

autismosiri

Ideato come assistente personale su smartphone e tablet della Apple, si sta rivelando un prezioso aiuto nelle giornate di un ragazzo autistico. Parliamo di Siri, il software in grado di soddisfare le richieste più varie che le giungono attraverso comandi vocali. 

Ultima modifica: Mercoledì, 29 Ottobre 2014 15:44

Visite: 525

Trapiantare un cuore morto da 20 minuti: accade a Sydney

heart-in-a-box

Un cuore ormai “morto” da 20 minuti può ancora essere trapiantato. Con un intervento ai limiti del fantascientifico, un team di medici australiani è riuscito a trapiantare all'ospedale di St. Vincent a Sydney un cuore che aveva smesso di battere per un massimo di 20 minuti.

Ultima modifica: Lunedì, 27 Ottobre 2014 10:11

Visite: 544

Malattie rare: una nuova Bella Addormentata in Gran Bretagna

sindrome bellaaddormentata

La Bella Addormentata esiste. Ed è viva e vegeta, sebbene la sua vita sia piuttosto un incubo. È inglese e si chiama Beth Goodier ed ha 20 anni. Riesce a malapena ad uscire di casa a causa di un disturbo del sonno debilitante che la lascia in stato di veglia solo per due ore al giorno.

Ultima modifica: Mercoledì, 22 Ottobre 2014 10:49

Visite: 877

Coscienza in stato vegetativo: trovata la firma nel cervello

chennubrains

I pazienti in stato vegetativo sono coscienti, anche quando non lo sembrano. Un nuovo studio, condotto presso la Cambridge University, ha scoperto la “firma” nascosta nel cervello di questi pazienti, aprendo la strada a un nuovo metodo in grado di scoprire la presenza di coscienza.

Ultima modifica: Lunedì, 20 Ottobre 2014 08:48

Visite: 681

Relive: il videogioco che insegna come salvare il cuore (e una vita)

videogiocorelive

Un videogioco per proteggere il cuore. Dalla realtà virtuale arriva "Relive", un "serious game" senza scopo di lucro che insegnerà la rianimazione cardiopolmonare.

Ultima modifica: Mercoledì, 15 Ottobre 2014 09:22

Visite: 557

NextMe.it è un supplemento di greenMe.it Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 - p.iva 09152791001 - © Copyright 2009-2012

Top Desktop version