Come gli smartphone diagnosticheranno i tumori

cancroapp

Grazie a una semplice app in futuro sarà possibile diagnosticare il cancro. Un dispositivo sviluppato da ricercatori del Massachusetts General Hospital potrà portare infatti a una rapida diagnosi molecolare dei tumori e di altre malattie in luoghi privi delle tecnologie mediche.

Il dispositivo sviluppato dagli scienziati americani, chiamato D3 (digital diffraction diagnosis - diagnosi di diffrazione digitale), è dotato di un modulo di imaging con una luce LED destinato agli smartphone standard. Questi ultimi registrano i dati di imaging ad alta risoluzione direttamente attraverso la fotocamera.

Ogni smartphone potrà così registrare dati su oltre 100 mila cellule di un singolo donatore da un campione di sangue o di tessuto in una singola immagine.

Per l'analisi molecolare dei tumori, il campione viene “etichettato” con microsfere che si legano alle molecole correlate al cancro e caricate nel modulo di imaging di D3. Dopo che l'immagine viene registrata e i dati trasmessi al server, la presenza di molecole specifiche viene rilevata analizzando i segnali generati dalle microsfere. L'utilizzo di sfere di varie dimensioni o rivestite può offrire inoltre delle vere e proprie firme identificative di un tumore, per facilitarne il rilevamento.

A corredo, un algoritmo numerico sviluppato dal team di ricerca per la piattaforma D3, in grado di distinguere le cellule dalle nanosfere e di analizzare fino a 10 MB di dati in meno di nove centesimi di secondo.

App tumorii

Un test pilota del sistema con linee cellulari di cancro ha rilevato la presenza di proteine tumorali con una precisione pari a quella dei gold standard attuali. I ricercatori hanno analizzato le cellule ottenute dal PAP test di 25 donne. D3 ha individuato con grande precisione i campioni ad alto rischio, a basso rischio o benigni, con risultati corrispondenti a quelli delle analisi patologiche convenzionali.

I dati genomici e biologici che emergono dai vari tipi di cancro, che possono essere essenziali per la scelta della terapia più appropriata, hanno bisogno di strategie di profilazione molecolari più accessibili ai fornitori, ricercatori clinici e pazienti; crediamo che la piattaforma che abbiamo sviluppato fornisca le caratteristiche essenziali e a basso costoha detto Cesar Castro, del MGH Cancer Center e Center for Systems Biology, e co-autore del rapporto.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Tumore, ecco e-nose: il naso elettronico che li riconosce dall'odore

Un 'naso' elettronico per la diagnosi dei tumori

Cervello: cellulari e wi-fi assolti

Pin It

Cerca