Aspirina: in futuro potrebbe essere utile nella cura dei tumori

aspirina tumori

Può l'aspirina curare il cancro? Non ancora, ma è ciò a cui stanno puntando gli studiosi del Peter MacCallum Cancer Centre di Melbourne, secondo i quali gli anti-infiammatori, i cosiddetti FANS (farmaci anti-infiammatori non steroidei) potrebbero aprire la strada a nuovi trattamenti per prevenire la diffusione dei tumori.

Da anni, infatti, i medici stanno osservando l'impatto positivo dei FANS, di cui fa parte anche l'aspirina, sul cancro, senza comprendere appieno i processi biologici coinvolti. Ma adesso invece, è emersa qualche novità.

I ricercatori del Programma di angiogenesi tumorale del Peter MacCallum Cancer Centre hanno individuato un legame tra i FANS e la possibilità dei tumori di diffondersi all'interno dell'organismo. Tali farmaci infatti sarebbero in grado di limitare la dilatazione dei vasi e al tempo stesso la tendenza dei tumori di diffondersi.

Sappiamo che i tumori secernono attivamente una serie di proteine e composti, chiamati fattori di crescita, in grado di attrarre vasi sanguigni e linfatici all'interno della loro immediate vicinanze, permettendo loro di prosperare e di formare metastasi” ha spiegato il professor Steven Stacker, autore e co-responsabile del Programma di Angiogenesi tumorale.

Per questo, una soluzione sarebbe proprio quella di limitare questo processo. Nel corso della ricerca è stato scoperto che c'è un gene (PGDH) che collega questi fattori di crescita alle prostaglandine. Queste ultime “possono causare infiammazione e dilatazione dei vasi in tutto il corpo”.

Ciò avviene perché i fattori di crescita rilasciati dai tumori favoriscono la crescita dei vicini vasi linfatici, aumentando la capacità di queste "supply lines" di agire come vie più efficaci nella diffusione del cancro.

Secondo gli studiosi, il potenziale della scoperta è incredibilmente eccitante, in quanto i nuovi farmaci potrebbero contribuire a contenere molti tumori solidi epiteliali, tra cui il cancro al seno e alla prostata.

La ricerca è stata pubblicata su Cancer Cell.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico