Sogni: ecco perché alcuni li ricordano e altri li dimenticano

immagine

Vi siete mai chiesti perché alcuni riescono a ricordare con estrema precisione i sogni, mentre altri tendono a dimenticarli completamente? A tentare di spiegare questo affascinante mistero, è stato uno studio realizzato in collaborazione tra il Dipartimento di psicologia dell'Università La Sapienza di Roma, il Dipartimento di neurologia clinica e comportamentale dell'Irccs Santa Lucia e le università dell'Aquila e di Bologna.

La ricerca, pubblicata su Human Brain Mapping, ha tentato di spiegare la diversa intensità emotiva dei sogni ed è partita dalla considerazione che potrebbe esserci una connessione tra l'anatomia umana e la materia dei sogni. Secondo gli studiosi, tutto dipenderebbe dalle misure dell'amigdala e dell'ippocampo, due strutture cerebrali profonde deputate al controllo delle emozioni, della comprensione, dell'apprendimento e più in generale della memoria.

Dopo aver monitorato l'attività onirica di 34 persone tra i 20 e i 70 anni di età, per un periodo di 14 giorni, attraverso una risonanza magnetica a 3 tesla, è stato chiesto ai volontari di compilare un diario dei sogni, registrando su un'audiocassetta i loro ricordi. Infine, i ricercatori hanno messo in relazione il volume e la densità della materia grigia di amigdala e ippocampo e le registrazione effettuate.

La differenza principale ha riguardato qualità e quantità dei sogni. Mentre il numero medio dei sogni ricordati il giorno dopo non era correlato alle dimensioni di amigdala e ippocampo, lo era invece con la qualità del sogno, ricco di carica emotiva. In particolare, ad un maggior 'volume' della parte sinistra dell'amigdala è stato associato un tipo di sogno più breve e un minor carico emotivo. La bizzarria e la vivacità invece sono state collegate ai volumi superiori dell'amigdala destra.

Luigi De Gennaro, coordinatore dello studio ha commentato: "Tutto è iniziato due anni fa, quando ci siamo chiesti se aspetti microstrutturali della nostra anatomia cerebrale possano spiegare perché alcuni di noi non ricordano affatto i sogni, mentre altri ne conservano un ricordo così dettagliato che potremmo chiamarlo quasi 'filmico'. Allo stesso modo, tra coloro che ricordano con regolarità i sogni, alcuni presentano narrazioni di estrema incongruenza e bizzarria o elevata emozionalità, mentre altri sono in grado di riportare poco più che descrizioni assai povere di eventi e scene''.

Francesca Mancuso

Pin It

Cerca