Inquinamento atmosferico: quello prodotto dall'Asia sta alterando anche le nuvole

clima nasa

L'inquinamento in Asia sta modificando il clima globale. L'enorme inquinamento prodotto soprattutto dalle fabbriche e dalle miniere di carbone delle economie emergenti asiatiche starebbe influenzando e non poco il clima e alterando le stagioni dell'intero Pianeta. E ad analizzarne il modo sono i ricercatori del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA e del California Institute of Technology.

Le conseguenze di un'economia indiscriminata sul clima si fanno sentire in particolare nell'area del Pacifico, dove sono cambiati gli schemi di movimento dei cicloni. Sono soprattutto le polveri sottili a incidere sulla formazione delle nubi, sulla quantità di precipitazioni, sull'intensità delle tempeste e in tutte quelle dinamiche che agiscono sul clima globale. Secondo gli esperti è molto probabile che tale incidenza si stia manifestando soprattutto sulle condizioni meteorologiche del Nord America.

Gli esperimenti della NASA - Nel corso degli ultimi 30 anni, le nuvole che sovrastano l'Oceano Pacifico sono aumentate e le tempeste nel Pacifico nord-ovest sono diventate del 10% circa più forti. E questo è lo stesso lasso di tempo in cui l'Asia ha conosciuto il suo boom economico. Il ricercatore del JPL Jonathan Jiang e il suo collega Yuan Wang hanno progettato una serie di esperimenti per vedere se c'è una connessione tra i due fenomeni.

I due scienziati hanno usato un modello numerico che include fattori meteorologici come la temperatura, le precipitazioni e la pressione barometrica sopra l'Oceano Pacifico e i movimenti di aerosol (nuvole, nebbia, foschia, ma anche lo smog...) intorno alla Terra. Hanno poi fatto due serie di simulazioni dapprima utilizzando gli aerosol che esistevano prima della rivoluzione industriale, poi quelli attuali. La differenza tra i due gruppi ha mostrato gli effetti di aumento dell'inquinamento sul tempo e il clima.

"Abbiamo scoperto che l'inquinamento prodotto dalla Cina incide sullo sviluppo delle nuvole sul Pacifico settentrionale e rafforza i cicloni extratropicali", spiega Yuan Wang. Questi grandi tempeste portano spesso negli Stati Uniti neve pesante e freddo intenso. E forse tutto ciò spiega anche la tempesta di neve che si sta abbattendo in queste ore su New York.

Come porre un rimedio a tutto ciò? Molti ricercatori hanno già avanzato soluzioni di geoingegneria come le iniezioni di aerosol stratosferico che dovrebbero essere in grado di raffreddare il pianeta, fermare lo scioglimento dei ghiacciai marini e rallentare l'innalzamento del livello del mare. Ma ora i ricercatori americani della NASA sostengono che le iniezioni di solfati (che compongono gli aerosol) potrebbero avere il lato negativo di aumentare i cicloni extratropicali.