Oceani: si sono ristretti a causa della fuga dell'idrogeno

oceani idrogeno

Oceani. Si sono ridotti rispetto al passato. Lo dice uno studio condotto dai ricercatori della Stanford University. E la prima conseguenza di tale cambiamento è stata una sorta di effetto serra primitivo, che ha garantito alla Terra un clima mite, nonostante il Sole non fosse ancora caldo come oggi.

Secondo lo studio, gli oceani in un passato davvero molto lontano, erano immensi, ma successivamente si sono ristretti fino ad assumere le attuali sembianze. Una parte della loro acqua però rimase intrappolata nelle rocce dei continenti al momento della loro formazione, ma una parte venne eliminata dalla "fuga" di grandi quantità di idrogeno.

Tale fenomeno spiegherebbe anche il paradosso del Sole giovane debole, ossia l'apparente contraddizione fra le osservazioni dell'acqua allo stato liquido nelle fasi di vita della Terra delle origini e le aspettative su base scientifica che l'energia solare emessa all'inizio della sua storia sia stata pari al 70% di quella emessa nell'attuale epoca.

Secondo quanto ipotizza il modello solare standard, il Sole e le stelle della sua categoria aumenterebbero gradualmente la loro luminosità nel corso della loro vita, ma le stime della quantità di energia emessa dal Sole 4 miliardi di anni fa dimostrerebbero che tutta l'acqua presente sul nostro pianeta avrebbe dovuto essere ghiacciata. E ciò andrebbe a scontrarsi con le osservazioni geologiche delle rocce sedimentarie, che richiedono la presenza dell'acqua allo stato liquido per potersi formare.

Così, dopo aver analizzato la composizione chimica di alcuni tipi di rocce dell'area orientale della Groenlandia risalenti a 3,8 miliardi di anni fa, i ricercatori di Stanford, analizzando le loro componenti chimiche, hanno ricostruito i cambiamenti cui il clima fu soggetto all'epoca e le trasformazioni che subì, gungendo alla conclusione che in un determinato periodo le temperature erano tali da mantenere gli oceani sotto forma di acqua liquida.

Secondo gli esperti, infatti, la perdita di idrogeno avrebbe garantito la presenza di alcuni gas serra tra cui il metano e l'anidride carbonica, e questi ultimi avrebbero reso mite il clima impedendo di fatto agli oceani di ghiacciarsi.

Lo studio è stato pubblicato su Pnas.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico