NextMe

ecat robotiz 

Fusione fredda. Chi lavori veramente sull'E-cat sta diventando un vero rompicapo, coperto da accordi di non divulgazione, come ha sempre ribadito Andrea Rossi. Il quale però, ora, ha confermato la presenza di Università europee e americane nel progetto. L'identità è ancora sconosciuta, ma questa rivelazione è già un passo avanti verso la soluzione del puzzle.

Leggi tutto: Fusione fredda: al progetto E-cat collaborano anche università europee e americane

Convegno Abundo

Fusione fredda. Come già annunciato, il 4 Dicembre Ugo Abundo ha presentato gli sviluppi del suo E-cat, chiamato Athanor prima e poi Hydrobetatron. E con lui, da un lato gli studenti, suoi stretti collaboratori, dall'altro diversi scienziati impegnati nel campo delle Lenr, tra i quali Francesco Celani, che ha mostrato gli ultimi aggiornamenti delle sue ricerche, di cui anche noi di Nextme abbiamo diverse volte discusso.

Leggi tutto: Fusione fredda, l'E-cat di Abundo funziona: il convegno del 4 Dicembre

Abundo reattore

Fusione fredda. L'E-cat di Ugo Abundo sarà il protagonista del convegno 'Nuove Energie nella Scuola' il prossimo 4 Dicembre presso l'Istituto tecnico per Costruzioni, Ambiente e Territorio 'Leopoldo Pirelli' di Roma, dove è in corso il progetto 'Athanor', poi evoluto in 'Hydrobetatron', che ha come obbiettivo l'implementazione di una metodologia per ottenere energia da reazioni a fusione nucleare fredda. All'incontro interverrà anche Francesco Celani, e altri ricercatori impegnati nel campo delle Lenr.

Leggi tutto: Fusione fredda, E-cat di Ugo Abundo: la presentazione il 4 Dicembre

ecat 1mw

Fusione fredda. L'atteso report sull'Hot E-cat firmato da terze parti non può ancora essere pubblicato. Lo ha dichiarato Rossi in risposta ad una domanda di un lettore del suo blog, il Journal of Nuclear Physics. Contestualmente, l'inventore ha anche precisato che non può aggiungere altro perché sotto Nda (Non disclosure agreement). Dalle parole del padre di E-cat si evince però che i test sono terminati e che le prestazioni ottenute sono migliori di quelle riportate nel documento del 17 Luglio.  

Leggi tutto: Fusione fredda, E-cat: il documento firmato da terze parti può attendere

Proia Rossi copertina

Fusione fredda. Abbiamo recentemente parlato del fatto che Andrea Rossi, il padre di E-cat, potrebbe aver venduto la Leonardo Corporation ad investitori di fiducia americani, non ancora identificati, pur restandone l'Amministratore delegato. La notizia è risultata però essere datata Febbraio 2012, anche se condivisa solo molto recentemente sulla pagina Facebook di Aldo Proia, Amministratore unico della Prometeon s.r.l., licenziataria del dispositivo in Italia. Per saperne di più abbiamo quindi contattato lo stesso Proia, che ci ha rilasciato a riguardo alcune dichiarazioni.

Leggi tutto: Fusione fredda, E-cat: Rossi non è più il proprietario della Leonardo Corporation? Il chiarimento...

rossi bologna

Fusione fredda. Si è appreso a Febbrario che il padre dell'E-cat, Andrea Rossi, potrebbe aver venduto la Leonardo Corporation ad investitori di fiducia, non ancora identificati, pur restandone l'Amministratore delegato. Non è chiaro tuttavia se l'inventore mantenga ancora delle quote aziendali o comunque dei diritti proprietari, né le motivazioni di questa scelta.

Leggi tutto: Fusione fredda, E-cat: Rossi non è più il proprietario della Leonardo Corporation

fusione nucleare fredda 

E-cat. Dispositivo per la produzione di energia che sfrutta reazioni nucleari a bassa energia (Lenr), moderna versione della chimerica fusione fredda. Si forma rame da nichel e idrogeno diceva Andrea Rossi. Ma possibile che si formi con la stessa composizione isotopica naturale e che in generale non ci siano cambiamenti in questo senso in nessuno dei componenti della reazione? Questa la recente discussione tra Steven Karels, lettore abituale del blog e il padre di E-cat, il quale ha ammesso di trovare solo piccole differenze, probabilmente non significative.

Leggi tutto: Fusione fredda, E-cat: si forma rame senza variazioni sulla distribuzione isotopica?

mantello invisibile duke

Il mantello invisibile è già pronto? Un vecchio progetto della Duke University è stato ulteriormente migliorato, e oggi uno degli ingegneri ha annunciato che la luce può essere domata. Quello che fino ad ora è stato uno dei limiti nella realizzazione degli speciali mantelli potrebbe essere stato definitivamente superato. La luce infatti veniva riflessa ma non del tutto, rendendo comunque 'parziale' questa invisibilità.

Leggi tutto: Alla Duke University realizzato il mantello invisibile

NextMe.it è un supplemento di greenMe.it Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 - p.iva 09152791001 - © Copyright 2009-2012

Top Desktop version