Celani pubblicazione

Fusione fredda. Mentre E-cat attende i risultati per la pubblicazione, come annunciato da Rossi, Francesco Celani riesce ad ottenere il traguardo: le sue ricerche, a seguito dell'Iccf-18, sono state infatti considerate positivamente dalla rivista Chemistry and Material Research. Il ricercatore, che ci ha raggiunto via mail, ha tenuto a precisare che il giornale è peer reviewed e che il suo indice di impatto è “significativamente elevato” (5.51).


Un primo importante risultato sembra quindi essere stato raggiunto: la fusione fredda, per quanto ancora confinata in laboratori di ricerca, ha ottenuto l’approvazione di una parte della comunità scientifica. Il paper, come nella filosofia abbracciata da Celani e incoraggiata dall’Unesco, è open source, quindi consultabile online gratuitamente.

“Sembra che la lega di costantana commerciale, con la superficie profondamente modificata sulla geometria […] sia un buon candidato per la produzione di calore anomalo si legge nell'articolo - grazie a un intrinseco basso costo delle materie prime, procedure semplici che portano a nano-strutture in crescita […] e all’uso di idrogeno”. Gli autori precisano inoltre che l’esperimento si è dimostrato riproducibile.

Nel frattempo comunque Rossi non è fermo, tanto che l’E-cat sembra essere ufficialmente in vendita. “Iscriviti e prenota il tuo pre-ordine, così ti garantirai la tua posizione su una lista di attesa con il diritto a un trattamento prioritario e alla consegna dei prodotti” si legge infatti sul sito ufficiale di E-cat, dove sono mostrate anche le immagini che riportiamo nella gallery.  L’azienda dell’inventore italiano avrebbe in particolare iniziato la raccolta di prenotazioni per i primi esemplari di apparecchi da 1MW.

La consegna delle unità, ad un prezzo di listino di 1,5 milioni di dollari, è indicata genericamente 4 mesi dopo l'ordine, ma si tenga a mente che si tratta di impianti industriali, perché la versione casalinga ha tempi di produzione più incerti. D’altronde, come sappiamo, per l’E-cat domestico bisognerà aspettare ancora, a causa delle tempistiche richieste per le certificazioni di sicurezza.

“L’impianto da 1MW contiene 106 unità E-cat più piccole montate in un container. La valvola per il riempimento dell’idrogeno è sulla parte anteriore di ciascuna unità, unitamente al collegamento con la resistenza elettrica utilizzata per avviare la reazione – spiega il sito – […] Si garantisce funzionalità di due anni con un Cop accertato di 6; l’impianto ha una durata prevista di 30 anni.

La notizia non stupisce d’altronde, visto che Rossi ha sempre dichiarato come le attività commerciali della Leonardo Corporation non abbiano mai avuto alcuna relazione con quelle scientifiche. In poche parole il fatto che Rossi non abbia ancora terminato i famigerati esperimenti negli Usa e che quindi non abbia ancora ottenuto la pubblicazione su una rivista peer reviewed come tutti attendono, non gli impedisce di proseguire con le azioni di marketing.

RDC

Foto: Chemistry and Material Research

ECAT.com

Seguici su Facebook, Twitter e Google +

LEGGI anche:

- Fusione fredda: brevetto assegnato al governo degli Usa. C'è anche Celani

- Fusione fredda: National Instrument, Celani e Defkalion ad Austin per parlare di LENR

- Fusione fredda: per l'E-cat Rossi vuole una forte industrializzazione  

 E-cat foto

Fusione fredda. L'E-cat prosegue i suoi test negli Usa, che dovrebbero continuare ancora per diversi mesi. E Andrea Rossi, a cui non sono bastati i report pubblicati su arXiv riferiti ai test di marzo, ha recentemente dichiarato che questi presunti tentennamenti sono dovuti alla precisa volontà di entrare prepotentemente sul mercato. Con molte certezze.

marciapiede fotovoltaico

Camminare su un marciapiede composto da pannelli solari: è realtà alla George Washington University, a Washington, D.C., dove, nell'ambito del progetto sostenibile chiamato "Passeggiata Solare", è stato realizzato uno scenografico marciapiede, dotato di un traliccio alimentato ad energia solare e 27 pannelli calpestabili, semi trasparenti, anti scivolamento, con tecnologia fotovoltaica che converte la luce solare in elettricità. 

defkalion

Fusione fredda. Non solo E-cat: l'R5 di Defkalion, che aveva suscitato perplessità durante l'Iccf-18 dello scorso luglio, sembra andare avanti. I risultati tanto discussi sono infatti stati pubblicati in un articolo intitolato 'Theoretical Analysis and Reaction Mechanisms for Experimental Results of Hydrogen-Nickel Systems'.

progetto ITER

Il programma di ricerca ITER, un esperimento di fusione nucleare internazionale il cui costo ammonta a diversi miliardi di euro, starebbe costringendo gli scienziati a concentrarsi esclusivamente sull'obiettivo fondamentale di produzione di energia entro il 2028. Di conseguenza, gran parte della ricerca considerata “non essenziale” ai fini del progetto, tra cui alcuni studi volti a meglio comprendere la fusione su scala industriale, sarà rinviata.

 E-cat foto

La fusione fredda, non solo E-cat, è un fatto; o meglio, è un fatto che in molti cerchino di replicarla e di farla diventare quindi una realtà. E mentre Andrea Rossi, nuovamente incalzato sul suo blog, continua a sviare le domande, c'è chi in Parlamento vuole delle risposte. Sono infatti state presentate altre due interrogazioni parlamentari sull'argomento, una alla Camera e una al Senato.

Pagina 7 di 33