Fusione fredda: gli USA credono all'E-cat e concedono il brevetto

e-cat brevetto NO

Fusione fredda. All’E-cat di Andrea Rossi assegnato il brevetto USA. Il patent office statunitense crede all’inventore italiano, dopo diverse perplessità e il no dell’Europa. Il brevetto tutela E-cat come fluido riscaldante sulla base del cosiddetto ‘Effetto Rossi’, descritto in ogni sua parte. Una vittoria da tempo attesa.

“Apparecchiatura per fluido riscaldante comprendente un serbatoio contenente fluido da riscaldare e un wafer di carburante comunicante con il fluido - si legge sull’abstract del testo approvato - Il wafer di carburante comprende una miscela contenente reagenti e catalizzatore, e una resistenza elettrica o altra fonte di calore in comunicazione termica con la miscela di carburante e il catalizzatore”.

Un nuovo capitolo della fisica? L’effetto Rossi si basa sulla reazione esotermica tra il litio e l’idrogeno, catalizzata da nichel o qualsiasi altro elemento del gruppo 10 della tavola periodica (stando almeno alle caute parole delle rivendicazioni del patent), compresi palladio e platino. Il fenomeno è un nuovo tipo di processo esotermico basato su alta densità di energia Lenr.

Stavolta Rossi ha scritto diversi dettagli della sua invenzione, e non è dunque incappato nella classica critica che da anni gli viene rivolta, ovvero la scarsità di informazioni fornite, che rendeva incomprensibile (e quindi dubbiosa) una tecnologia potenzialmente in grado di rivoluzionare il mondo dell’energia e delle sue applicazioni.

Molti complimenti dai lettori sul suo sito, ma soprattutto l’attenzione rivolta a lui su Nature dal premio Nobel per la Fisica 1973 Brian David Josephson, che non si sbilancia in opinioni personali, ma sottolinea come la notizia del patent sia un importante aggiornamento sullo stato della ricerca attuale.

Le Lenr, ovvero le reazioni nucleari a bassa energia, che da decenni tengono con il fiato sospeso ricercatori e amatori, hanno avuto mire contrastanti, da chi credeva nelle loro applicazioni a chi aspettava la dichiarazione di fallimento. La notizia sul patent di Rossi sembra aver risvegliato gli animi. Quasi contemporaneamente, tra l’altro, il governo giapponese ha deciso di finanziare la ricerca in questo settore.

Il patent office degli Usa è piuttosto selettivo. L’Europa farà ora un passo indietro?

Roberta De Carolis

Seguici su Facebook, Twitter e Google +

LEGGI anche:

- Fusione fredda: per l'E-cat Rossi vuole una forte industrializzazione

- Fusione fredda: l’E-cat anche a batteria ma Aldo Proia chiude  

Pin It

Cerca

ravenna2017 300x90